Capelli, Riga in mezzo o laterale: 5 tips per non sbagliare

Chiara Pinzuti
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Esperta di beauty e benessere
06/07/2023

Riga laterale o al centro? questo è il dilemma! Dal rinascimento al “conflitto” tutto social tra millennial e gen Z, dalle celebrities che introducono nuovi stili o rilanciano di volta in volta le mode, vediamo come scegliere la riga più adatta a te, in 5 tips che parlano di forma del viso, styling migliore e taglio più adatto!

Capelli, Riga in mezzo o laterale: 5 tips per non sbagliare

Vecchio e nuovo, tendenze e facili cambi di rotta, mode che ritornano: tra riga laterale e riga centrale c’è una storia che parte dal Rinascimento (ricordate la” dama con l’ermellino”?) e arriva ai giorni nostri, in pieno “conflitto” tra gen Z e i Millennials, un dibattito esploso su social come Twitter e TikTok e ancora acceso. Visti come “vecchi” perché più affezionati alla riga di lato, i Millennials in realtà l’hanno portata centrale durante lo stile grunge degli anni ’90, di diretta ispirazione dagli hippies degli anni 70, con “frange a tendina” incluse. Tornando a oggi, se gli Zoomer amano la riga centrale perché ha l’effetto di ringiovanire chi la porta, basta una celeb come Zendaya a far apprezzare la riga laterale spesso portata dalle over 40 anche a loro, rendendola di nuovo glamour. La riga centrale è un grande classico chic, elegante, discreto e semplice da realizzare, che ciclicamente ritorna: c’è chi la odia e chi la ama. La riga laterale, che ricorda le splendide icone di Hollywood degli anni ’20 e degli anni ‘40, è tornata di moda nei primi anni 2000, evocando lo stile dark alla Emo, e conferisce un’allure romantica e morbida, che addolcisce i lineamenti del viso.

Laterale o al centro? Forma del viso, taglio e styling, ecco come scegliere!

A prescindere dalle preferenze, tutte noi abbiamo una celeb a cui vorremmo assomigliare. Prima di cambiare pettinatura e lato della riga, perché stufe del solito stile, oppure perché il nostro hairstylist ci ha convinte a cambiare la solita pettinatura… dobbiamo partire da tre elementi fondamentali: la forma del viso (e l’attaccatura dei capelli), il taglio, lungo o corto, lo styling che scegliamo e che più si adatta alla texture dei nostri capelli. Cambiare posizione della riga non è sempre facile: alcune forme si adattano alla riga centrale, altre alla riga laterale. La riga centrale mette in evidenza i contorni del viso ed è perfetta per valorizzare le simmetrie, mentre la riga laterale dona profondità al viso e allo sguardo, ammorbidisce le linee, restringe la fronte e dà e volume ai capelli. Se abbinata a una piega vaporosa, la riga laterale bilancia le due parti del viso, superiore e inferiore, e riempie la zona del mento e del decolleté. Ben si adatta a visi lunghi, rettangolari, quadrati o a cuore. Visi rotondi, che hanno bisogno di verticalità e slancio, si adattano meglio alla riga in mezzo, che ha il pregio di snellire e allungare la forma del viso, incluso un naso “largo”. Se il mento è piccolo, sfina la larghezza della parte superiore del viso e riequilibra i lineamenti. Viceversa, mettendo in evidenza il contorno del volto e gli zigomi, può accentuare difetti come naso lungo, con poca curvatura alla fronte, o che tende su un lato del viso, fronte troppo alta o troppo bassa, linee asimmetriche. Ha anche il pregio di “sollevare” gli zigomi, rendendoli più alti e pieni, e anche per questo è adatta ai visi non troppo allungati. Vediamo una per una le 5 tips per non sbagliare!

Il viso a cuore

Il viso a cuore è un viso abbastanza tondo e regolare nella parte superiore, che si chiude però a “goccia rovesciata”, o a cuore, in un mento piccolo e affusolato. Con i capelli lunghi, la riga centrale potrebbe mettere in risalto le simmetrie del viso e gli zigomi, riequilibrando, come detto, l’insieme. Mentre con i capelli più corti, dove il volume si concentra all’altezza del mento, la riga di lato allungherà il viso e lo farà sembrare più magro. Taylor Swift, come Miranda Kerr, possono sfoggiare entrambi gli stili e risultare bellissime: centrale con i capelli lunghi, anche un po’ mossi, laterale con il bob, che è il taglio più indicato per questa forma del viso. Sconsigliata la frangia, che renderebbe il mento ancora più sfuggente e appesantirebbe la fronte, meglio appunto un caschetto pieno che arriva al mento, un evergreen comodo e super trendy.

Viso quadrato, la riga laterale è top

Il viso quadrato sta bene con la riga laterale: rende più soft i lati del volto, crea dinamismo e dona una piega più morbida. Chi ha la fronte alta e le sopracciglia a “punta” smussa e equilibra gli spigoli del volto con la riga laterale,  armonizzando e addolcendo i tratti. In generale questa forma del viso si sposa bene con i tagli che arrivano alle spalle, in grado di ammorbidire la zona della mandibola. Scalature e pieghe ondulate creano ancora più dinamismo, mentre tagli geometrici o simmetrici evidenzierebbero ancora di più le disarmonie. Se la fronte è alta, si può optare per una frangia morbida. La riga centrale non è vietata, perché complessivamente “solleva” e allunga, ma va curata attentamente per evitare di appiattire il volto e non sta bene con i bob troppo corti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Zendaya (@zendaya)

Viso rettangolare, un’altra forma che la riga laterale valorizza

Se il viso è sempre spigoloso ma più allungato, con una forma rettangolare e allungata, anche in questo caso la riga laterale dona alla forma del viso maggiore morbidezza, armonia e addolcisce i tratti. Un taglio scalato e morbido e una piega mossa renderanno il viso ancor più gentile. Bianca Balti, che ha un viso sì squadrato, ma delicato e femminile, con la riga laterale sembra anche troppo “bambina”: a dimostrazione che non c’è mai una regola assoluta, la riga centrale dà al suo viso un’allure elegante e perfetta, sexy e matura.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Dolce&Gabbana Beauty (@dolcegabbana_beauty)

Viso rotondo, via alla riga in mezzo

Il viso tondo è caratterizzato da una forma regolare e larga, e l’obiettivo è, ovviamente, creare un effetto slim e farlo sembrare più allungato. La riga in mezzo è più che indicata, insieme a un taglio lungo e styling mosso e voluminoso (che va bene però se il volto non è troppo piccolo), perché, in generale la riga in mezzo sfina, affusola le linee e rende il volto più magro e sottile. Un viso tondo con riga in mezzo è ben bilanciato e slanciato, riducendo quell’effetto di eccessiva morbidezza nei tratti del volto. Se invece non c’è volume, si può provare una riga laterale spostata molto verso l’orecchio, per creare movimento sulla parte alta della testa.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cameron Diaz (@camerondiaz)

Viso ovale, il più versatile che sta bene con entrambi gli stili

Il viso ovale è caratterizzato da una forma allungata e sottile: questo è il viso più versatile, a cui sta bene sia la riga in mezzo che quella laterale. La riga in mezzo può rivelarsi molto utile per riequilibrare la lunghezza del viso e per valorizzare la simmetria del volto (il perfetto esempio è Kim Kardashian), mentre la riga laterale rende il look più dolce e morbido, smussando angoli e spigoli del viso. La piega può essere sia liscia, mossa o riccia. Più sono lisci, più il look sarà deciso con una riga centrale (attenzione però all’effetto Mercoledì Addams!), mentre spostando la riga lateralmente, lo styling più adatto sarà una piega mossa, voluminosa e romantica. Un esempio di entrambi gli stili è Kate Middleton, che indossa l’uno o l’altro styling a seconda dell’occasione e del momento. J.Lo è la regina della riga al centro, e sceglie la riga laterale solo per acconciature particolari, piene e vaporose.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jennifer Lopez (@jlo)

Taglio e styling, quali preferire

La riga centrale sicuramente si sposa bene con i capelli lisci, spessi e lunghi. È comoda e semplice da realizzare. Si può portare in più modi, anche con un cerchietto per accentuare l’effetto ordinato, o ammorbidendola con una ciocca di capelli scomposta. Si presta bene, inoltre, a onde romantiche o beach waves, trecce laterali alla testa che arricchiscono l’acconciatura o effetto gel super liscio. La lunghezza migliore è quella media, sotto il mento, alle spalle. Mentre se i capelli sono fini o un po’ radi, la riga di lato donerà maggiore volume (ed è utilissima anche per nascondere la ricrescita!). La riga laterale sta bene sia con i capelli lunghi che con i bob più corti, o con i tagli scalati. I capelli ricci portati con la riga di lato sono eleganti e non eliminano del tutto l’effetto “scomposto”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Studio capelli ricci (@capelli___ricci)