Victoria’s Secret punta sull’inclusività per il suo rebranding

Per il suo restyling in brand ha deciso di puntare su donne forti, impegnate in tematiche attuali, come la body positiviy e la salute mentale. Inoltre, ha deciso di ampliare il suo catalogo, proponendo nuovi prodotti più inclusivi

da , il

    Victoria’s Secret punta sull’inclusività per il suo rebranding

    Victoria’s Secret ha deciso di puntare sull’inclusività per il suo rebranding. Il marchio, che contro oltre 1400 store in tutto il mondo, ha annunciato appunto un restyling che decisamente non passa inosservato.

    Il brand, come raccontato dal New York Times, ha deciso di abbandonare i suoi “angeli” per puntare tutto su donne che il brand non aveva “preso in considerazione” prima.

    I nuovi volti di Victoria’s Secret

    A formare il nuovo “team” di volti di Victoria’s Secret sono donne impegnate in tematiche sociali, ma anche nello sport e sulla salute mentale. Troviamo infatti Priyanka Chopra Jonas, attrice indiana e imprenditrice del mondo tecnologico, e la calciatrice Megan Rapinoe. E ancora, due modelle: la modella brasiliana transgender Valentina Sampaio e Adut Akech, promotrice dell’importanza della salute mentale. Infine la sciatrice olimpica Eillen Gu, Amanda de Cadenet, fotografa e fondatrice di #Girlgaze, e Paloma Elsesser, modella plus size e promotrice della body positivity.

    Per il lancio del rebranding di Victoria’s Secret sarà proprio Amanda de Cadenet ha lanciare i nuovi volti del brand attraverso un podcast. Questo sarà realizzato in 10 puntate, durante le quali tutte e sette le donne racconteranno la loro storia.

    Il rebranding del brand riguarderà anche nuovi prodotti, dai reggiseni per l’allattamento all’abbigliamento sportivo

    Il rebranding non riguarderà solo i volti di Victoria’s Secret, ma anche l’offerta dei prodotti. Infatti, ai classici completini intimi saranno affiancati anche nuovi completi sportwear e reggiseni per l’allattamento. Questi ultimi rappresentano una novità per il brand, che non ha mai prodotto reggiseni di questo tipo prima d’ora.

    “Abbiamo smesso di pensare a quello che vogliono gli uomini”. A dirlo è Martin Waters, direttore esecutivo di Victoria’s Secret. “Ci siamo concentrarti su quello che vogliono le donne”. Un netto cambio di direzione, quindi, per Victoria’s Secret, tra le aziende leader nel settore dell’abbigliamento intimo fin dagli anni ’80.