Vanessa Villa per WYCON: femminilità e forza per una donna sul tatami

Abbiamo intervistato Vanessa Villa, viaggiatrice, sognatrice, modella ma soprattutto campionessa di karate che ha realizzato con WYCONIC una capsule collection di make up dedicata a tutte le donne dall'animo guerriero (ma sempre super femminili!)

da , il

    Vanessa Villa per WYCON: femminilità e forza per una donna sul tatami

    In occasione del lancio della nuova capsule collection di make up firmata WYCON Cosmetics, abbiamo incontrato l’ambasciatrice, nonchè musa e creatrice di questa collezione dedicata alle donne guerriere, che non rinunciano alla femminilità. Stiamo parlando di Vanessa Villa, modella, viaggiatrice, donna bellissima e soprattutto campionessa di karate. Bellezza e forza insomma, celebrate attraverso questa capsule disponibile presso i negozi e sul sito WYCON che vanta pezzi davvero interessanti e iconici come il BLACK BELT MASCARA, per uno sguardo deciso e EMPOWER LIP KIT per labbra da baciare.

    Vanessa Villa, 25 anni, metà riccionese e metà toscana, campionessa di karate, modella, amante dei viaggi. Una donna dalla bellezza indiscutibile e dalla forza altrettanto innegabile, visto i 17 anni passati sul tatami.

    Grinta e determinazione, fascino ed eleganza: possono convivere queste caratteristiche? Indubbiamente si. E proprio per questo WYCON Cosmetics ha individuato in Vanessa la donna ideale per il nuovo lancio WYCONIC e continuare così il suo percorso dedicato alle donne che con le loro storie personali possono essere di grande ispirazione per la beauty community, tutte accomunate da un forte legame con il mondo del make up.

    La 5° capsule collection WYCONIC è ben descritta dalle parole di Vanessa, che abbiamo intervistato per voi!

    Sono così fiera! ❤

    A post shared by Vanessa Villa (@vanessavilla_) on

    Quando ti è stata proposta questa collezione con WYCON cosa hai pensato?

    Mi sono sentita così onorata e grata! Non potevo crederci, ero felicissima.

    Da dove è partita la tua ispirazione? A quale tipo di donna hai fatto riferimento?

    Mi ispiro a donne di tutti i tempi. Forti, tenaci e guerriere. Ma anche dolci, materne e sensibili. E’ un tipo di super eroina che non ha età, può essere una bambina, oppure una anziana signora. Quello che mi ispira di queste donne è il loro atteggiamento vincente nei confronti della vita.

    Hai delle icone femminili a cui ti ispiri?

    Non ho una musa particolare. Piuttosto mi ispiro a un tipo di donna. La guerriera metropolitana, quella di tutti i giorni.

    Cosa vuoi comunicare con il tuo rossetto quando sei sul tatami? E invece nel tempo libero?

    Sul tatami in realtà uso solo un filo di matita per labbra. Quello che accentuo durante le gare sono sicuramente gli occhi, che improvvisamente diventano profondi come la notte. Nel tempo libero invece mi scateno con le tinte per labbra. Nella mia collezione ce ne sono due, una rosa antico e una rossa. Ciò che cerco di fare comunque, sia dentro che fuori dal tatami, è avere un makeup semplice ed armonico, che non nasconda i miei lineamenti, ma che piuttosto li esalti.

    Cosa non deve mai mancare nel tuo beauty?

    La matita nera per gli occhi e la matita rosa cipria per labbra, perfetti per un ritocco last minute.

    Il tuo prodotto del cuore di questa collezione?

    La tinta labbra, rossa come il fuoco che ho dentro!

    Il tuo make up da “tatami” ce lo hai raccontato, il make up delle grande occasioni invece qual è?

    Sicuramente uno smokey eyes nero. Sensuale e intenso.

    Donna o sportiva: quanto nella vita di tutti giorni o sul tatami una ha il sopravvento sull’altra?

    Mi sento entrambe, in equilibrio. Sia sul tatami che nella vita di tutti i giorni se una prendesse il sopravvento sull’altra non ci sarebbe armonia, ma disequilibrio. Il trucco sta nel ricordarsi di essere una una combattente, forte e determinata, e al tempo stesso una donna, gentile e dolce.

    Cosa suggeriresti ad una giovane donna o meglio, una bambina che si approccia alla vita sportiva?

    Divertiti e appassionati. Vivi lo sport al cento per cento e sappi che diventerà la tua palestra di vita. Se perdi, ti rialzerai. Se vinci, goditi la vittoria al massimo, ma sappi che il giorno dopo dovrai comunque tornare in palestra per allenarti per le prossime gare.

    Quanto a te ha dato o nel caso tolto la vita da sportiva?

    Ha dato. Anche quando mi ha privato delle uscite con gli amici durante i weekend, perchè ero fuori per gareggiare, o quando non avevo del tempo per me durante la settimana. Non potrei mai dire che il mio sport mi ha tolto qualcosa. Mi ha solo dato, anche quando mi ha tolto e io ne sono immensamente grata. E mi ha insegnato che i sacrifici sono sempre necessari per raggiungere la vittoria.

    Svelaci qualche segreto in più su di te: nel futuro come ti vedi? Dove?

    Mi vedo grata e felice. Creativa, sportiva e con uno sguardo particolare verso il prossimo. Nel mondo.