London Fashion Week: la moda del prossimo inverno

La settimana della moda di Londra è costellata da appuntamenti ed eventi irripetibili. Quest'anno la tendenza è colorata, spensierata, esuberante

da , il

    London Fashion Week: la moda del prossimo inverno

    Dopo l’appuntamento di New York, la Fashion Week è approdata anche a Londra, la capitale d’Europa, la città più cosmopolita del vecchio continente. Se qui vi abbiamo suggerito cosa fare e cosa andare a vedere tra una sfilata e l’altra, in questo articolo ricapitoliamo le tendenze più interessanti viste finora in passerella.

    Ecco i nomi di chi ci ha stupito di più: dalla collezione super pop di Ashley Williams a quella bon ton di Shrimps, dalle fantasie fiorate di Richard Quinn ai look estrosissimi di Matty Bovan, dai classici quadri di Burberry ai coloratissimi e giganti maglioni dall’estetica tribale di Roksanda.

    Richard (Mc) Quinn

    Se i capi a fantasia e le gonfissime gonne a palloncino sono diventati i pezzi simbolo della moda di Richard Quinn un motivo c’è: lo stilista non vi rinuncia mai e anche stavolta ci bombarda di fiori, colori e metri di stoffe e tessuti arricciati. Tra le stampe di decine di varietà di rose, tra i pois, i quadri, il pied de poule e i disegni astratti non mancano le incursioni di alcuni abiti completamente ricoperti di cristalli e perle.

    L’ispirazione arriva direttamente dall’estetica dell’epoca Tudor: le pietre e le perle creano scritte, intrecci regali e luccicanti su fiocchi e colletti che si contrappongono in maniera quasi inquietante all’atmosfera spersonalizzante delle maschere en pendant indossate dai modelli in passerella. Siamo di fronte a schermidori dai look sadomaso, riferimenti che si ripresentano anche per quegli abiti dalle maniche a palloncino che sarebbero perfetti addosso a Minnie e Paperina.

    Immaginate una via di mezzo tra la moda del McQueen più sperimentale e il Moschino più romantico, poi fate un passo oltre ed ecco a voi la collezione autunno/inverno 2021 di Richard Quinn.

    Matty Bovan: un’esplosione di colori

    Il creatore di moda britannico fa sfilare una collezione estremamente esuberante e colorata, piena di mantelle, cristalli, stoffe metalliche e tessuti leggerissimi che giocano con le trasparenze. Vista nel suo insieme è un’esplosione eterogenea e indistinguibile, ma se si scende nel particolare si cominceranno a notare cardigan pelosi con fili in lamé, giacche di jeans tempestate di enormi Swarovski colorati, abiti in tulle con corsetto a metà tra il fucsia e il rosso corallo, ponchi e vestiti decorati con le fantasie tipiche della tradizione sudamericana.

    E non finisce qui: gli outfit indossati dalle modelle sono arricchiti da acconciature ipertrofiche e strani make-up realizzati con parrucche enormi e squadrate e mascherine di colore applicato direttamente intorno agli occhi. Un gusto dall’atmosfera circense, come anche quello di Ashley Williams.

    Ashley Williams: una passerella circense

    La stilista vincitrice del premio di Elle per i nuovi talenti nel 2015 si spinge ancor più oltre del suo collega Bovan e trucca le modelle come dei veri e propri clown. La sua collezione è pop, non c’è un modo migliore per descriverla: prende le immagini delle opere d’arte più famose di tutti i tempi e le stampa su abiti che mischiano nuances fluo, paillettes, frange di perline brillanti in stile charleston. Vestiti a palloncino in raso a fondo chiaro con banconote rosa, felpe teddy bear e borse pelose, abiti di piume con spalline gioiello, gonne a balze in denim; per i capi da uomo, invece, vira verso un’estetica più anni Settanta: pantaloni a quadri a zampa d’elefante, t-shirt con maxi stampe che lasciano scoperta la pancia e gilet in maglia. Il nostro pezzo preferito?

    Il tubino longuette in raso rosa shocking con fiocchi sul davanti, scollo quadrato e spalline sottili.