E’ morto Karl Lagerfeld: addio al genio della moda che ha dato forma e colore ai sogni

Si è spento oggi ad 85 anni Karl Lagerfeld, un mostro sacro della moda che grazie alla sua creatività è stato un poliedrico creatore di icone e non di 'semplici' abiti ed accessori.

da , il

    E’ morto Karl Lagerfeld: addio al genio della moda che ha dato forma e colore ai sogni

    Si è spento ad 85 anni il genio creativo di Karl Lagerfeld, un mostro sacro della moda mondiale. Moda a 360°, perchè Karl ha disegnato e creato abiti e accessori per le più grandi Maison di tutti i tempi, vestito regine e attrici, ma ha saputo anche giocare con la moda di massa, firmando capsule per brand come H&M, Diesel o Melissa. Un uomo che ha fatto della sua creatività un segno distintivo. Lui stesso divenuto icona con i suoi immancabili occhialoni neri, i guantini e il ventaglio che tanto facevano antico imperatore orientale. E la sua ultima collezione, che ha sfilato a Parigi solo poche settimane fa appare come un testamento artistico, che ha avuto luogo in un Grand Palais allestito come giardino mediterraneo con le modelle vestite come dame del XVIII secolo.

    Vogliamo soffermarci un attimo dopo la corsa alla pubblicazione di una notizia che giunge come un fulmine a ciel sereno a meno di 24 ore dall’inizio della Milano Fashion Week che porterà per le strade della città della Madonnina il circo della moda fra flash, outfit impeccabili e sorrisi perfetti: è morto il re, è morto Karl Lagerfeld e probabilmente la moda non sarà mai più la stessa.

    Karl nasce nel 1933 (ma anche intorno alla sua data di nascita vige un alone di mistero, come nelle migliori leggende) ad Amburgo, da padre proveniente da una famiglia di ricchi industriali ed una madre con un passato da venditrice di lingerie.

    Fin da subito Lagerfeld mostra la sua creatività vincendo da giovanissimo, nel 1955, un concorso sponsorizzato dal Segretariato Internazionale della Lana per la realizzazione di un cappotto. In palio un lavoro in uno degli atelier dell’alta moda: Pierre Balmain. Qui lavora per 3 anni, per poi passare in un altro atelier storico, quello di Jean Patou.

    Prova poi la strada da freelance, apre una boutique con i soldi di famiglia e successivamente approda da Chloé. La consacrazione a grande della moda avviene con l’incontro con le italianissime sorelle Fendi, per cui inventa la Fun fur, un nuovo modo di intendere e creare pellicce. E proprio di qui prenderà vita l’iconico logo con la doppia F della Maison Fendi, di cui resterà a vita direttore creativo.

    Ma è il 1982 (l’anno in cui nasce chi scrive questo articolo, sigh!) che arriva il grande amore: Karl Lagerfeld viene chiamato ad occuparsi dell’haute couture di Chanel. Ma la mano (e la mente) di Karl non si “fermeranno” qui: successivamente si occuperà anche del prêt-à-porter e degli accessori della griffe, diventando la vera ed unica mente creativa dell’universo di Coco Chanel, trasformandolo di fatto in un’icona globale.

    Geniale perchè non rinchiuso fra le pareti dorate di un atelier di alta monda: Karl è stato capace di portare il suo tocco da maestro, o re della moda, o Kaiser come lo chiamavano, non solo sul prodotto finale, ma all’intera concezione di moda, nelle sue varianti irraggiungibili e favolose, ma anche nei prodotti più di largo consumo e accessibili ai comuni mortali.

    Il suo volto, la sua immagine, così distante dalla quotidianità dell’essere umano “medio” (nulla di dispregiativo in questa definizione, si parla solo di capacità di spesa media), si sono trasformati essi stessi in oggetti da portare a braccio o all’interno della propria borsetta, o ancora, stampati su di una t-shirt. Karl Lagerfeld, con il brand che ha il suo nome, che ha vissuto alti e bassi, c’è da dirlo, probabilmente anche per la numerosità degli impegni lavorativi che portava avanti quotidianamente, ha prodotto borse, magliette, accessori, spesso divertenti e ironici, ma pur sempre portatori di un significato ben preciso. Vesto un sogno, il sogno della moda e questo sogno ha un volto: quello di Karl Lagerfeld.

    Instancabile pensatore, inarrestabile creatore di sogni, Karl Lagerfeld si è impegnato, oltre che nell’alta moda, in progetti editoriali, fotografici, cinematografici e di design, compresa una capsule collection con H&M, mostro del fast fashion. Ma non solo: ha progettato camere d’albergo, videogiochi, caschi per motociclisti, un’automobile della BMW e una linea di cosmetici ispirata a Choupette, la sua meravigliosa gatta bianca. Si è “sporcato” le mani in mille modi e in mille ambiti eppure mai nessun ha urlato allo scandalo. La sua creatività poliedrica non poteva avere vincoli. Per fortuna ci aggiungiamo noi.

    Perchè Karl ha saputo portare nel presente un marchio come quello di Chanel: la giacca e l’abito CHANEL, il little black dress, l’iconico tweed, le scarpe bicolor, le borse trapuntate, le perle e la bigiotteria con lui hanno acquistato una nuova vita, pur rimanendo dei cardini del sistema moda e dell’immaginario comune.

    Le sue sfilate si sono trasformate ben presto in veri e propri eventi capaci di andare oltre qualsiasi immaginazione e soprattutto capaci di lasciare a bocca aperta sia gli algidi giornalisti della carta patinata che le più disincantante delle millennials con telefono direttamente incorporato nel palmo della mano: un centro commerciale con tanto di scaffali con detersivi nel 2014, una brasserie francese con camerieri in uniforme nel 2015, un razzo che simulava un’esplosione pre-lancio nello spazio nel 2017, una spiaggia con sabbia e onde nel 2019. Tutti, appassionati di moda e non, hanno almeno una volta visto un’immagine di queste sfilate evento.

    Bruno Pavlovsky, Presidente della divisione moda di CHANEL, ha dichiarato: “Sfilata dopo sfilata, Karl Lagerfeld ha lasciato il segno sulla leggenda e la storia di Gabrielle Chanel e della sua casa di moda. Ha costantemente promosso il talento e l’esperienza di CHANEL, permettendo a questo eccezionale know-how di brillare in tutto il mondo. Il più grande tributo che possiamo donargli oggi è continuare a seguire il percorso da lui tracciato – per citare Karl -’Continuare ad abbracciare il presente e inventare il futuro’.

    Sta ora a Virginie Viard, direttrice del Fashion Creation Studio di CHANEL e collaboratrice per oltre 30 anni di Karl, portare avanti il sogno di un uomo, un visionario, un creatore instancabile e dell’universo immortale di Chanel.

    Chanel   Runway    Paris Fashion Week S/S 2019
    Un modello Chanel in passerella durante la Paris Fashion Week SS 2019 / Ansa
    Chanel   Runway   Cruise Collection 2018
    Chanel Cruise Collection 2018 / Ansa
    Bal de la Rose in Monaco
    Karl e Carolina di Monaco
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week Ready to Wear F/W 2018/2019
    Chanel Paris Fashion Week Ready to Wear FW 20182019 / Ansa
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week S/S 2018
    Chanel – Runway – Paris Fashion Week SS 2018 / Ansa
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week Ready to Wear S/S 2018
    Chanel – Runway – Paris Fashion Week Ready to Wear SS 2018 / Ansa
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week Haute Couture F/W 2017/18
    Chanel – Runway – Paris Fashion Week Haute Couture FW 201718 / Ansa
    Chanel   Runway   Ready to wear Paris Fashion Week F/W 2017/18
    Chanel – Runway – Ready to wear Paris Fashion Week FW 201718 – Il razzo come scenografia / Ansa
    Chanel   Runway   Ready to wear Paris Fashion Week F/W 2017/18
    Karl ha reinventato anche la borsa Chanel / Ansa
    Chanel : Runway   Paris Fashion Week : Haute Couture Fall/Winter 2014 2015
    Chanel : Runway Paris Fashion Week : Haute Couture Fall/Winter 2014 2015 / Ansa
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week Haute Couture F/W 2016/2017
    Chanel Runway Paris Fashion Week Haute Couture F/W 2016/2017 / Ansa
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week Hute Couture S/S 2017
    Chanel Runway Paris Fashion Week Hute Couture S/S 2017 / Ansa
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week Ready to Wear F/W 2016/17
    Chanel Runway Paris Fashion Week Ready to Wear F/W 2016/17 / Ansa
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week Ready to Wear S/S 2017
    Chanel Runway Paris Fashion Week Ready to Wear S/S 2017 / Ansa
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week S/S 2016
    Chanel Runway Paris Fashion Week S/S 2016 / Ansa
    Chanel : Runway   Paris Fashion Week Womenswear Spring/Summer 2015
    Chanel : Runway Paris Fashion Week Womenswear Spring/Summer 2015 – (Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)
    Chanel : Runway   Paris Fashion Week Womenswear Spring/Summer 2019
    Chanel : Runway Paris Fashion Week Womenswear Spring/Summer 2019 (Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)
    Chanel : Runway   Paris Fashion Week   Haute Couture Fall/Winter 2016 2017
    Karl e le sue sarte – (Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)
    Chanel   Runway   Paris Fashion Week S/S 2017
    Karl e Lily Rose Depp / Ansa
    Chanel : Runway   Paris Fashion Week Womenswear Spring/Summer 2019
    Karl e la donna che gli succederà alla guida di Chanel, Virginie Viard(Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)
    Giant H&M Billboard Advertises Karl Lagerfeld Collection
    La campagna pubblicitaria della capsule lanciata per H&M (Photo by Sean Gallup Getty Images)
    Chanel Resort Dinner At Cap D'Antibes
    Il leggendario guantino senza dita indossato da Karl (Photo by Kristy Sparow/Getty Images)
    Chanel : Runway   Paris Fashion Week Womenswear Fall/Winter 2015/2016
    La sfilata ambientata in un bistrot francese / Ansa

    Intanto sui social si susseguono i saluti di stilisti e personaggi del mondo dello spettacolo, tutti profondamene addolorati per la scomparsa di Karl.

    View this post on Instagram

    A post shared by Alessandro Michele (@alessandro_michele) on

    View this post on Instagram

    Rest in Peace Karl! I will miss you.....

    A post shared by Eva Herzigova (@evaherzigova) on

    View this post on Instagram

    The goat sleeps

    A post shared by Pharrell Williams (@pharrell) on

    View this post on Instagram

    RIP @karllagerfeld

    A post shared by Bar Refaeli (@barrefaeli) on