Anna Wintour lascia Vogue? Il probabile addio del caschetto della moda internazionale

Secondo rumors, Anna Wintour sta per lasciare Vogue America. La notizia è stata divulgata dal New York Post. Ma, se fosse vero, chi diventerà il prossimo “diavolo veste Prada”?

da , il

    Anna Wintour lascia Vogue? Il probabile addio del caschetto della moda internazionale

    Il New York Post pare esserne certo: Anna Wintour lascia Vogue America. L’addio del caschetto della moda internazionale coinciderà con il matrimonio della figlia Bee Shaffer, che si sposerà il prossimo luglio con Francesco Carrozzini, peraltro figlio della compianta Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia. La fonte per ora è anonima ma sembra che l’ultimo numero della rivista fashion a cura della Wintour sarà quello di settembre 2018. Ma se Anna Wintour abbandona Vogue, chi potrà mai sostituirla? Chi sarà il prossimo “diavolo veste Prada”?

    Sempre secondo voci di corridoio, il prossimo successore di Anna Wintour sarà un uomo e il nome coincide con quello di Edward Enninful, attuale nuovo direttore di Vogue Uk. Anche in Italia, dopo la morte di Franca Sozzani, è giunto un uomo al comando della rivista: Emanuele Farneti.

    Anche se le voci sono molto insistenti, Condé Nast ha commentato la notizia divulgata dal New York Post: “neghiamo profondamente questi rumors”.

    Ma cosa c’è dietro la separazione tra la Wintour e Vogue? I problemi sembrano essere di natura finanziaria. Pare che sotto il suo impero, che comprende anche la direzione editoriale delle riviste Condé Nast, i conti non andrebbero poi così bene; ecco spiegate le chiusure di testate come Self e Teen Vogue e riviste online come Il Post e Style.

    Anna Wintour e Vogue rappresentano il binomio perfetto, una coppia inscindibile, eppure sembra proprio che stia per arrivare la fine. Anche gli amori più belli, a un certo punto, scoppiano. Dal 1988 è alla guida di Vogue America, il volto storico di una rivista che ha cambiato il fashion system e che da sempre detta legge nel settore. È il direttore di giornale più temuto della moda, e anche il più influente. Il suo potere è immenso. È sempre in prima fila alle sfilate delle Maison più famose e importanti del mondo, da Marc Jacobs a Giorgio Armani fino a Chanel. Una vera e propria istituzione e non solo sulla carta. È lei che organizza il famoso Met Gala, il corrispettivo degli Oscar della Moda, che si svolge ogni anno a maggio presso il prestigioso Metropolitan Museum di New York.

    Fonte foto: Ansa