Yves Saint Laurent, lo spot di un profumo censurato in Gran Bretagna

da , il

    Lo spot creato da Yves Saint Laurent per promuovere il profumo Belle d’Opium ha creato un vero e proprio scandalo che ha portato alla censura della campagna pubblicitaria in Gran Bretagna. All’interno dello spot, infatti, l’attrice francese Melanie Thierry simula il gesto di iniettarsi della droga, azione che ha creato non poche polemiche portando l’autorità preposta a vietare la diffusione del filmato attraverso il canale televisivo.

    All’intero dello spot creato per la promozione del profumo Yves Saint Laurent Belle d’Opium l’attrice protagonista Melanie Thierry simula una sorta di stato di trance relativo all’utilizzo di sostanze stupefacenti sottolineato anche dal gesto che evoca l’iniettarsi dell’eroina in vena.

    Proprio in tal senso l’ASA, l’autorita britannica per il controllo delle pubblicità, è intervenuta per rimuovere lo spot dai palinsesti pubblicitari a seguito di diverse lamentele da parte del pubblico.

    Una scelta che fa certamente discutere e che l’ente intende specificare non è legata al nome del prodotto, che fa anch’esso riferimento ad una droga, ma al gesto altamente fraintendibile e poco educativo per un pubblico vasto e variegato come quello televisivo.

    Dietro i movimenti equivoci dell’attrice si pone l’estro creativo del coreografo Akram Khan, pluripremiato artista e considerato una vera autorità nel mondo della danza britannica.

    Sia il coreografo che la nota maison di moda Yves Saint Laurent hanno negato un legame diretto tra le immagini del video e l’utilizzo di droghe ma nonostante le spiegazioni fornite l’ASA si è mostrata irremovibile sulla sua decisione mantenendo il blocco sulla messa in onda dello spot.