Speciale Natale

Sorelle Fontana: la loro storia fra abiti e fiction [FOTO]

Sorelle Fontana: la loro storia fra abiti e fiction [FOTO]
da in Abiti, Stilisti, Tv
Ultimo aggiornamento:

    Sorelle Fontana: la loro storia, i loro abiti preziosi ed eleganti sono raccontati in una fiction, un modo per rivivere una grande epoca ma, soprattutto, un grande talento, un importante successo della moda italiana che è passata attraverso le mani di tre donne, Zoe, Micol e Giovanna Fontana, che hanno creduto nel loro grande sogno. Il progetto televisivo, che è approdato sulla rete nazionale italiana, racconta l’ascesa del trio, tre ragazze che nel 1936 decidono di trasferirsi dal loro piccolo paesino in provincia di Parma a Roma, in cerca di affermazione e di successo. È nella capitale che aprono il loro laboratorio, proprio vicino alla prestigiosa via Veneto, e l’atelier nell’amatissima e famosa piazza di Spagna.

    Nell’atelier romano delle Sorelle Fontana fanno il loro ingresso tante star del tempo. Le eleganti creazioni sartoriali sono richieste da principesse e attrici soprattutto dopo che la figlia di Guglielmo Marconi, la prima vera cliente vip del trio, ha richiesto una serie di vestiti su misura. Da quel momento le tre sorelle hanno il vento in poppa e le proposte di lavoro aumentano esponenzialmente, toccando l’apice dopo la loro prima sfilata organizzata a Palazzo Pitti, a Firenze nel 1951. Il made in Italy conosce un successo inestimabile riuscendo a contrastare, finalmente, l’haute couture parigina.

    Gli abiti delle Sorelle Fontana, esposti in mostra in diverse occasioni, sono creazioni sartoriali eleganti e sofisticate, austere eppur seducenti. I tessuti più chic e pregiati si intrecciano con proposte più easy e semplici e su questi le tre sarte posano pizzi e merletti unici, perfetti per rendere ogni modello un vero e proprio trionfo di alta moda. Un altro importante successo è rappresentato dall’abito da sposa disegnato su misura per Linda Christian; con questo la moda internazionale le consacra regine e su tutti i giornali del settore non si fa altro che parlare di loro. Con la diffusione mediatica dei loro capolavori, ecco arrivare tante star per le quali sono stati realizzati dei vestiti da sogno.

    Per Liz Taylor crearono il noto abito bianco e nero che è passato alla storia, per esaltare lo stile di Grace Kelly, invece, realizzarono un bellissimo vestito verde con corpetto decorato e schiena scoperta, mentre per Audrey Hepburn cucirono il mai utilizzato abito da sposa, che l’attrice di Colazione da Tiffany regalò a una delle sarte più povere della sartoria. All’atelier si recò anche la first lady Jacqueline Kennedy, la quale richiese un intero e nuovo guardaroba. Le Sorelle Fontana lavorarono anche per il cinema, firmando i costumi di scena di Anita Ekberg ne La dolce vita di Fellini e di Ava Gardner in L’ultima spiaggia.

    Le Sorelle Fontana hanno ceduto il loro marchio nel 1992 e oggi l’unica ancora in vita è Micol, la più piccola delle tre. La sua Fondazione, creata nel 1994, conserva più di duecento abiti haute couture, alcuni dei quali sono esposti nei più importanti musei nazionali e internazionali, a riprova che il loro grande talento è stato riconosciuto e mai dimenticato in tutto il mondo.

    562

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AbitiStilistiTv

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI