Sfilata Kenzo Autunno-Inverno 2012/2013

da , il

    Il week end della Paris Fashion Week ha visto tra le griffe più attese della kermesse anche Kenzo, fashion brand francese molto amato soprattutto dalle donne più giovani per il suo stile eclettico e aperto alle suggestioni provenienti da culture differenti. La Settimana della moda di Parigi si sta rivelando davvero molto interessante e, nonostante molti brand abbiano deciso di proporci delle collezioni dalle linee classiche e bon ton, altri stilisti hanno invece optato per l’effetto sorpresa, proponendo delle creazioni eccentriche e creative come la stupefacente collezione di Vivienne Westwood andata in scena ieri pomeriggio. Che strada avrà preso Kenzo per la sua collezione autunno inverno 2012 2013? Scopriamolo insieme!

    In un’ambientazione colorata e pop si è aperta la sfilata di Kenzo con una super model come la giovanissima Karlie Kloss che ben ha incarnato lo stile frizzante e colorato che ha caratterizzato l’intera collezione. Una collezione che si è mostrata in pieno stile Kenzo, che rielabora e attualizza alcuni dei grandi classici della griffe, come le stampe e le tinte decise. In passerella abbiamo ammirato tanti look in cui regnano incontrastate le stampe, sia sui maglioni indossati con morbidi pantaloni in cotone a vita alta, che su trench coat, blazer e abiti. Sia che si tratti di righe verticali, di motivi astratti e del pied de poule, quel che è certo per Kenzo è che, nel prossimo autunno inverno 2012 2013, non potremo rinunciare ad un capo stampato.

    Estrema versatilità nelle calzature, dai modelli ultra flat e dallo stile maschile agli ankle boots con zeppa e plateau vertiginoso, un binomio che, purtroppo per i nostri piedi, sarà di grande tendenza nella prossima stagione fredda.

    Tra i tessuti principe della collezione realizzata dai nuovi direttori creativi Humberto Leon e Carol Lim spiccano il velluto, splendido in rosso e blu notte su abiti lunghi e completi, il raso, la seta e la morbida lana. E voi che cosa ne dite della collezione di Kenzo?