Sex and the City 2: un guardaroba da 10 milioni di dollari

da , il

    Sex and the City 2

    Il film Sex and the City 2 fa parlare di sè. Il prossimo 28 maggio 2010, infatti, in tutte le sale cinematografiche potremo vedere il sequel del film che ha tenuto incollati sul grande schermo gli occhi delle fashion addicted di tutto il mondo, che non vedono l’ora di seguire le avventure delle quattro protagoniste del film, oltre che ammirare i favolosi look delle quattro amiche di New York. A questo proposito, sapete costano tutti insieme i guardaroba femminili di Carrie, Miranda, Samantha e Charlotte in Sex and the City 2? La bellezza di 10 milioni di dollari: altro che crisi economica, quando si parla di moda, non si bada proprio a spese!

    La notizia sta rimbalzando in queste ore sui principali blog e sui giornali. Sex and the City 2 ci parla dell’universo femminile, che è fatto anche di una passione smisurata per la moda: le quattro protagoniste, anche in questo sequel, ci mostreranno moltissimi look diversi, che appartengono ai migliori designer di moda. E facendo i conti tra abiti, accessori, scarpe, borse e gioielli, si fa presto ad arrivare a 10 milioni di dollari.

    Per Sex and the City 2 la produzione ha dovuto sborsare questa cifra da capogiro solo per vestire le quattro ragazze, ormai cresciute, di New York, che vedremo anche nel loro passato degli anni Ottanta, con look decisamente improbabili e molto retrò.

    La cifra è stata svelata dal New York Magazine: la spesa maggiore è andata per Sarah Jessica Parker, alias Carrie, la vera protagonista del film. Ma anche i look delle altre tre attrici non scherzano, con cifre davvero alte per mise molto glamour ma spesso, purtroppo, dai prezzi proibitivi per le fashion addicted che guarderanno il film. Alle quali non rimane che sognare! E a chi critica la produzione di scarsa attenzione alla situazione economica attuale, ecco cosa ci dice il director: “Credo che Hollywood debba regalare al pubblico la vacanza da sogno che di questi tempi nessuno si potrebbe permettere”.

    Immagine presa da:

    www.ilcinemaniaco.com.