Santo Versace contro la politica italiana, rea di non difendere a dovere il Made in Italy

Santo Versace contro la politica italiana, rea di non difendere a dovere il Made in Italy
da in Made in Italy, Moda, Stilisti, Versace
Ultimo aggiornamento:

    Camera, discussione e voto del disegno di legge Brunetta per la riforma del pubblico impiego

    Santo Versace punta il dito contro la politica italiana, che a suo avviso non è in grado di difendere e promuovere al meglio il Made in Italy, ovvero quei prodotti fiore all’occhiello della nostra artigianalità che tutti nel mondo ci invidiamo. Moda in prima fila. Parlamentare per le fila del Popolo della Libertà, a settembre ha lasciato il partito per entrare nel gruppo misto, da dove esprime tutto il suo rammarico perché la politica italiana non sa gestire al meglio il Made in Italy. Un danno per la nostra immagine e per la nostra economica, già a dura prova in questo periodo.

    Santo Versace, che è stato recentemente premiato con il John Connor Humanitarian Service Award, da quando è entrato in politica ha cercato di portare avanti un progetto iniziato nel 1992 con Altagamma, associazione di imprese del quale è presidente, che ha come scopo proprio quello di tutelare il Made in Italy. E a tal proposito presentò con Marco Reguzzoni della Lega Nord un piano di legge volto a proteggere il nostro fiore all’occhiello.

    Il provvedimento, approvato con una larga maggioranza, prevede che un prodotto sia considerato Made in Italy solo se due dei quattro processi a cui è sottoposto avvengono in Italia. La legge Reguzzoni-Versace è un compromesso per far capire all’Europa l’importanza del Made in Italy. Di recente l’Ue si è omologata agli Stati Uniti e al Giappone che prima di noi hanno legiferato sulle etichette delle merci‘.

    Una legge importante per difendere la moda italiana, per difendere chi fa le cose come si deve. E in questo la nostra classe politica pecca un po’. Peccato, perché si potrebbe davvero fare di più visto che in quanto a moda, stile, design ed enogastronomia potrebbe essere davvero i numeri uno al mondo. Ma senza aiuti adeguati, è dura!

    383

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Made in ItalyModaStilistiVersace
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI