Roger Vivier: la collezione Prismick e l’esclusivo evento di lancio

Roger Vivier: la collezione Prismick e l’esclusivo evento di lancio
da in Arte, Eventi, Roger Vivier
Ultimo aggiornamento:

    Dopo il lancio della boutique della rue du Faubourg St-Honoré a Parigi, il 15 marzo, ospitati da Inés de la Fressange, ambasciatrice di Roger Vivier e Bruno Frisoni, Direttore Creativo del marchio, si è svolto a Milano il lancio della nuova linea di accessori Prismick Roger Vivier. Avvenuto a Milano nella boutique in via Sant’Andrea 17, con un cocktail che ha accolto gli ospiti ammirati da un percorso innovativo per il marchio sia dal punto di vista stilistico che per l’iniziativa di lancio, supportato da una serie di ritratti che si snodano lungo i 3 piani del negozio. Madrine della serata, la stilista Marta Ferri e l’imprenditrice teatrale Servane Giol, che hanno accolto gli ospiti fra cui Violante Placido, Margherita Missoni, Francesca Versace, Francesca Tronchetti Provera e Caterina Balivo.

    Il marchio, divenuto un’icona e di cui la fibbia è l’inconfondibile simbolo, ha presentato una novità che ne rafforza lo stile: la collezione Prismick composta da borse e scarpe alle quali è stata sottratta la mitica fibbia, ma con un fil rouge incisivo: la forma del prisma elaborata con i suoi molteplici volumi, applicati in modo tridimensionale agli inconfondibili colori di Roger Vivier. Sarà poi, la diversità dei volumi del prisma a caratterizzare ogni pezzo della collezione.

    Il direttore creativo, Bruno Frisoni, raffinato esperto ma soprattutto colto e sempre attento alle forme dell’arte e del design internazionale, ha fatto un grande lavoro per arrivare a coniare forme “prismiche” per nulla facili da applicare ad accessori esteticamente raffinati e unici. Ne si riconosce la ricerca estetica accurata e instancabile, al limite dell’espressione artistica e architettonica, generando così una nuova icona per il marchio, che prosegue, rinnovando l’immagine con proposte che, come degne appendici della mitica fibbia - che ha contraddistinto il brand, rendendolo riconoscibile in tutto il mondo – si fanno riconoscere ancora una volta e soprattutto ne rafforzano l’identità, sempre ammesso ne avesse avuto bisogno.

    E per raccontare in modo incisivo lo spirito di elegantissime e raffinatissime pelli abitate dalle geometrie del prisma, Roger Vivier si è avvalso di una serie di ritratti fotografici di donne di stile in giro per il mondo, amiche della Maison che indossano i modelli Prismick della collezione primavera/estate 2012.
    Raccontando così la storia di donne affermate, carismatiche e impegnate nelle loro missioni d’artista, sociali, culturali. Ne sono state scelte tre per ogni paese: Cina, Afganistan, Stati Uniti, Italia, Francia, Inghilterra.

    Raccontano che del loro mondo, ricco di spunti e di vita fa parte Roger Vivier e lo indossano con disinvoltura, ovunque esse si trovino.

    Ritratte, scegliendo verosimilmente come background il luogo a loro più caro, che sia casa, o un’istituzione pubblica, come ad esempio Fatima Bhutto, autrice, scrittrice e poetessa pakistana, fotografata a casa sua, a Karachi. Oppure, Marie Claire Winwood, pittrice inglese e figlia del noto cantante britannico Steve Winwood, immortalata nel mitico Troubadour Café a Londra. Piuttosto che India Mahdavi, architetto e designer iraniana, parigina d’adozione, ritratta davanti ad una fotografia emblematica della sua infanzia. Ed è così che la nuova iconica linea Prismick prende vita, attraverso donne dal carattere forte e seducente che indossano i modelli emblematici della collezione.

    La mostra rimarrà esposta nella boutique di Milano fino al 31 marzo e le prossime tappe del lancio toccheranno alle boutiques di Shangahi, Londra e New York.

    589

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArteEventiRoger Vivier
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI