Piazza Sempione, autunno/inverno 2010

da , il

    Piazza Sempione sceglie una collezione all’insegna della sperimentazione per l’autunno-inverno 2010-2011. Abiti per una donna “vera, che valorizzano le forme femminili. Pantaloni comodi, che cingono morbidamente i fianchi, stretti solo da una cintura-fusciacca di pelle. Colori caldi, linee essenziali che giocano però con stampe e fantasie originali, che sembrano voler trasformare in quadri gli abiti indossati. E’ nei tessuti che si compie però la vera rivoluzione: accostamenti arditi e materiali reinventati per occasioni tutte da vivere. Tessuti da sempre abbinati all’abbigliamento sportivo cambiano volto e si trasformano in un abito da sera degrade grigio-nero, stretto in vita da una cintura con preziosi cristalli Swarovski.

    Organza di seta che assume i colori e le fantasie del marmo; lurex che ricade in drappeggi morbidi; cappotti dal taglio classico e un po’ retro’ accanto a soprabiti che vogliono essere considerati abiti da sera, abbinando l’astrakan a colli di volpe e scivolando sui fianchi come una gonna plissettata. Fibbie dalla delicata lavorazione e licenti di Swarovski impreziosiscono anche le chiusure dei soprabiti. Sprazzi di rosso acceso e inviti alla sperimentazione, a non considerare un capo d’alta moda come se fosse un’intoccabile opera d’arte. Piazza Sempione crea invece abiti che suggeriscono nuovi abbinamenti e contaminazioni, anche mischiando tradizioni di altri culture e Paesi. La parola d’ordine è “mix&match”.

    Nei tessuti di Piazza Sempione è sempre contenuta una parte di tessuto strech, a vantaggio di una comoda vestibilità. Persino nei pantaloni in pelle nera, da abbinare a lunghe camice strette in vita dalla fusciacca di pelle, che ritorna come una sorta di leit-motiv della collezione autunno-inverno 2010, dedicata alla donna che ha compreso come la trasgressione non si appariscenza ma una sottile filosofia del vivere.

    I tagli esaltano la sperimentazione dei tessuti: il “ribelle” taglio al vivo viene declinato nelle forme classiche dei soprabiti.

    Grande ritorno del double-face grazie a patch che impreziosiscono un tubino nero e donano all’abito nuova personalità rigirando il lato “nascosto”. Negli accessori, sono da notare in particolare le scarpe: dai tronchetti con risvolto, disponibili anche in nero e verde, agli stivali plissettati sotto il ginocchio.

    Per quest’edizione di Milano Moda Donna, Piazza Sempione ha optato per un allestimento originale ma essenziale, e ha scelto di donare la differenza a Save the Children per aiutare i bambini colpiti dal terremoto di Haiti. Una decisione che porta avanti la tradizione dell’azienda, da sempre impegnata in progetti di beneficenza in varie parti del mondo.