Speciale Natale

Mostra di Klimt a Milano per un 2014 da ricordare [FOTO]

Mostra di Klimt a Milano per un 2014 da ricordare [FOTO]
da in Arte, Mostre, Musei
Ultimo aggiornamento:

    Mostra di Klimt a Milano. Per un 2014 da ricordare, dal 12 marzo al 13 luglio, resterà aperta nella sede del Palazzo Reale, la mostra “Alle origini del mito” dedicata al grande artista austriaco, con oltre 100 opere esposte al pubblico. È realizzata in collaborazione con il Museo Belvedere di Vienna ed è curata da uno dei più esperti studiosi di Klimt nonché vicedirettore del Belvedere, Alfred Weidinger. Farà ripercorrere ai visitatori l’intera carriera dell’artista, dagli anni della formazione, con gli studi di arte applicata conseguiti all’istituto di Art and Craft, alla Secessione Viennese sul finire dell’Ottocento, fino alla ricostruzione del Fregio di Beethoven del 1902.

    Nella città che ospita anche l’esposizione del pittore russo Wassily Kandinsky, la mostra di Gustav Klimt offrirà l’occasione di esplorare il Klimt degli esordi, dando spazio ai lavori del periodo aureo e di quello successivo, in cui è possibile individuare l’influenza dei Fauves e di Matisse, oltre che di Egon Schiele, suo allievo. La mostra milanese mira a indagare i rapporti familiari e professionali del pittore austriaco con i fratelli Ernst e Georg, le opere dei quali saranno pure esposte al Palazzo Reale. Si prefigge anche lo scopo di far conoscere la sua grande passione per il teatro e la musica. Tra i capolavori esposti, Adamo ed Eva, Girasole, Acqua Mossa e Giuditta II. A distanza di otto anni dalla realizzazione di Giuditta I (il dipinto olio su tela del 1901, prima opera del periodo aureo) la stessa donna appare in Giuditta II (è Salomè, l’eroina biblica simbolo del potere di seduzione femminile) in un linguaggio fortemente astratto in cui linee a spirale si mescolano a cerchi colorati che ricordano l’occhio umano.

    A concludere il percorso espositivo sarà la ricostruzione originale del Fregio di Beethoven, esposto nel 1902 all’interno del Palazzo della Secessione di Vienna.

    Il lavoro, ispirato alla nona sinfonia del musicista, occuperà un’intera sala favorendo la totale immersione del visitatore nell’opera d’arte. Si compone di sette pannelli di 2 metri per 24. Nel dipinto è rappresentata l’eterna contrapposizione tra il bene e il male e l’aspirazione al riscatto attraverso l’arte. Per far risaltare la superficie Klimt inserì frammenti di specchi, vetri e chiodi. I biglietti per l’evento che si tiene a Milano hanno un costo di 11 euro, ridotto per visitatori dai 6 ai 26 anni e over 65, a 9,50 euro. Un’occasione per osservare da vicino un’artista che ha creato un linguaggio inconfondibile con le sue luci e i colori, un’estetica che rende i suoi quadri inimitabili.

    459

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArteMostreMusei

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI