Milano Moda Donna: taglie morbide protagoniste

da , il

    Era stato annunciato alla vigilia: le sfilate di Milano Moda Donna avrebbero rispettato il codice etico stabilito dalla Camera della Moda italiana. E la promessa è stata mantenuta. Ecco allora che nella prima giornata di passerelle, dopo la prima sfilata contro l’anoressia, hanno sfilato a Milano le taglia morbidi: quelle taglie inusuali per le sfilate di moda che siamo abituati a vedere, ma che sono più che normali nella vita reale.

    Presente alle sfilate milanesi, anche Giovanna Melandri, paladina della lotta contro l’anoressia e contro le modelle troppo magre. E proprio il ministro ha voluto ricordare quanti giovani si lamentino “per la mancanza di taglie oltre la 46″. Per questo motivo bisogna “riportare sul mercato e nell’immagine della moda anche l’esistenza di misure piu’ grandi”, altrimenti “potrebbe nascere in molte ragazze la frustrazione e il sentimento di sentirsi esclusa”. Questa la nuova via tracciata nel mondo della moda italiana.