Melania Trump e l’outfit (couture) per coltivare l’orto

E se Melania Trump coltiva l’orto di Michelle Obama con una camicia di Balmain che costa quanto una fornitura annuale di frutta e verdura? Il popolo del web si è scatenato contro il look troppo costoso della first lady nonostante il suo impegno nel campo green.

da , il

    Melania Trump e l’outfit (couture) per coltivare l’orto

    Melania Trump finalmente coltiva l’orto e si dedica a quello che è stato il passatempo preferito di Michelle Obama ma lo fa con un outfit couture tutt’altro che adeguato. Intendiamoci, non c’è alcun errore di stile nel suo look, non un abbinamento fuori posto o un accessorio di troppo. Ciò che ha indignato maggiormente il popolo del web è stata la scelta di un capo di abbigliamento in particolare: la camicia. Cos’ha di strano? A guardarla è una semplice camicia in tartan con le maniche arrotolate ma di fatto si tratta di un prodotto di Balmain che costa 1158 euro. Too much per zappare l’orto, ma non se l’orto lo zappa Melania Trump!

    Sembrava che quell’orto dovesse sparire in favore di un campo da golf o del nulla più assoluto. Tanto The Donald mangia solo patatine e cibo spazzatura aveva dichiaro tempo fa la first lady Melania Trump. Quell’orto tanto caro a Michelle Obama, che l’aveva persino ampliato, doveva sparire e invece è ancora lì e finalmente la moglie di Donald Trump ha deciso di metterci le mani.

    Lo ha fatto insieme ad alcuni bambini del Girls and Boys Club of Greater Washington. Tutti insieme hanno raccolto verdura e ortaggi e ne hanno piantata dell’altra. Fin qui tutto nella norma ma i più attenti hanno notato che l’outfit della ex modella era tutt’altro che adeguato.

    Non è cosa da tutti coltivare l’orto con una camicia che costa quanto una fornitura di verdure per un anno ma lei è Melania Trump, una che fino a prima delle elezioni ha vissuto nello sfarzo più assoluto. Certo, avrebbe potuto indossare una camicia a quadrettoni rossa molto simile, magari acquistata da H&M per meno di 20 euro ma è probabile che la first lady e il suo staff non abbiano nemmeno idea che per praticare questo generi di lavori serva un look più “alla mano”.