Iceberg sfila a Milano Moda Uomo p/e 2012, in scena l’epopea di un poeta moderno

da , il

    Un poeta decisamente contemporaneo e un po’ maledetto questo che è andato in scena nella sfilata di Iceberg a Milano Moda Uomo. Per la primavera estate 2012 il brand ha pensato ad un look che, da qualche anno a questa parte sembra fare furore: il finto trasandato che, in realtà, cela una cura minimale nei dettagli ed una grande eleganza. Lo stile proposto da Paolo Gerani, direttore creativo della griffe, piacerà anche agli amanti delle tinte accese: la collezione si colora di toni come il celeste, l’arancio e il grigio chiaro, abbinati insieme con un risultato davvero stupefacente e molto estivo.

    In questa terza e penultima giornata della fashion week milanese, il cui calendario sembra pronto ad offrirci ancora molte sorprese, Iceberg ha saputo dare una nuova veste alla figura ottocentesca del poeta maledetto, dallo stile gipsy, bohemien e raffinato. I tessuti utilizzati prevalentemente sono il cashmere e la seta per le giacche leggerissime e i pantaloni e il lino e il cotone per le giacche spinate. A conferire un ulteriore tocco di (apparente) trascuratezza, i blazer dallo stile used e i pantaloni volutamente stropicciati.