Speciale Natale

I cinque capi di moda bocciati dallo stilista Karl Lagerfeld

I cinque capi di moda bocciati dallo stilista Karl Lagerfeld
da in Karl Lagerfeld
Ultimo aggiornamento:

    Karl Lagerfeld

    Karl Lagerfeld ha le idee chiare: il Kaiser della moda, infatti, mette dei paletti sui capi di abbigliamento e gli accessori che compongono il suo guardaroba. Proprio lui che è uno degli stilisti più innovativi, che ama vestire le donne di tutto il mondo con il suo stile a volte eccentrico e bizzarro, ma sempre molto glamour e femminile, è uno che non ama indossare certe cose. Il suo guardaroba, a dire il vero, non è molto variopinto o diversificato, dal momento che in passerella lo vediamo sempre con la sua coda di cavallo bianca, i suoi occhiali da sole scurissimi, il suo completo nero giacca-pantalone accompagnato da una camicia bianca e shoes rigorosamente black. Se questo è lo stile che ama per se stesso, ecco svelate le cose che mai, per nessuna ragione al mondo, gli vedremo indossare.

    Karl Lagerfeld non si separa mai dai suoi occhiali da sole e dal suo stile black and white che ormai è un marchio di fabbrica riconosciuto in tutto il mondo. Tanto che in commercio esistono tantissimi gadget ispirati al Lagerfeld style, che, a quanto pare, non vedremo mai indossare certi capi di abbigliamento, che lui personalmente detesta.

    Karl Lagerfeld, ad esempio, non indossa mai le bretelle, perché, secondo lui, è come indossare un reggiseno e da quando si è accorto di questa somiglianza ha deciso di smettere con questo accessorio tipicamente maschile. Ma non è questo l’unico capo di abbigliamento bandito per sempre dal guardaroba di Karl Lagerfeld.

    Non amo più tanto il panciotto, mi dà fastidio avere qualcosa sulla pancia. E odio le bretelle perché mi sembra di indossare un reggiseno“, questa la sua confessione al giornale M Magazine: “Detesto le scarpe sciatte, ma ciò che odio di più sono le infradito. Ne sono fisicamente allergico“, ha detto lo stilista, che a quanto pare odia in particolar modo anche i tatuaggi, che considera orrendi e che mai si farà fare: “È come vivere sempre in un abito di Pucci. Se sei giovane e magra magari stai bene, altrimenti…“. Chissà il brand Emilio Pucci cosa ne penserà di questa dichiarazione!

    Dunque, niente bretelle, niente panciotto, niente infradito e niente tatuaggi. A questi cinque no categorici di Karl Lagerfeld noi aggiungiamo anche il colore: scommettiamo che tutto il suo guardaroba, anche i suoi pigiami, sono bianchi e neri????

    E, infine, una chicca per voi: lo sapevate che la sua famosissima coda di cavallo che ha fatto ormai leggenda, grazie anche al color bianco argento, è stata “inventata” in un momento di pigrizia massima? “Quando mi sono stancato dei capelli lunghi e ricci (perché i miei capelli erano ricci) ho iniziato a legarli. Era il 1976. Ciò significa che porto la coda di cavallo da 35, 36 anni! Non male, eh? È l’acconciatura più semplice“. E noi che pensavamo fosse frutto di uno studio di stile fatto a tavolino!!!!!

    548

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Karl Lagerfeld

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI