Greenpeace contro alcuni famosi marchi di moda che usano sostanze tossiche: quali sono?

Greenpeace contro alcuni famosi marchi di moda che usano sostanze tossiche: quali sono?
da in Designer, Moda, Moda ecologica, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    greenpeace marchi di moda

    Greenpeace punta il dito contro alcuni famosi marchi di moda rei, secondo il nuovo rapporto reso noto dall’associazione ambientalista, di utilizzare sostanze tossiche nei loro capi di abbigliamento. Il gruppo ha deciso di fare un esperimento, per capire quanto gli abiti che indossiamo fanno bene alla nostra salute. Ha preso allora tutta una serie di grandi brand, che sono soliti produrre le loro creazioni in sedi presenti in Cina, Filippine e Vietnam ed hanno cercato di capire in quali fossero presenti delle sostanze nocive. Il risultato finale parla chiaro: i due terzi dei prodotti analizzati sono confezionati con materiali pericolosi per la nostra salute!

    In tutto Greenpeace ha analizzato 78 articoli, presentando i risultati nel rapporto “Panni sporchi 2” (il nome è già un programma!): 52 sono risultati pericolosi, perché contengono Etossilati di Nonilfenolo, delle sostanze che vengono utilizzate come dei detergenti nel mondo tessile. “Il nonifenolo è un distruttore endocrino, può contaminare la catena alimentare e accumularsi negli organismi viventi, mettendo a rischio la loro fertilità, il sistema riproduttivo e la crescita”.

    I prodotti tossici sono pericolosi per la nostra salute, ma anche per l’ambiente, tema molto caro al momento nel mondo della moda. Queste sostanze, infatti, vanno a finire in mari e fiumi, inquinandoli. Sostanze che possono anche finire nel nostro bucato, quando andiamo a lavare questi capi di abbigliamento.

    Ma quali sono i brand contro i quali Greenpeace punta il dito?

    Abbiamo marchi famosi come Adidas, Uniqlo, Calvin Klein, Nike, Adidas, Puma, H&M, Lacoste, Converse. Ma la lista è decisamente più lunga. Alcune aziende hanno accolto questo rapporto, cercando di fare qualcosa a favore della natura e della nostra salute, eliminando le sostanze nocive, come Nike e Puma, che si impegnano a non usarle più e si danno tempo fino al 2020. E le altre?

    363

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DesignerModaModa ecologicaPrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI