Gisele Bundchen fa uno spot in Brasile per una linea di lingeria e viene censurata, il video!

da , il

    La modella brasiliana Gisele Bundchen è stata censurata nel suo paese. Tutta colpa dello spot promozionale che vi presento qui sopra e che dovrebbe pubblicizzare la lingeria femminile del brand carioca Hope. Uno spot davvero particolare, che ci propone una scenetta che non è assolutamente piaciuta alle femministe connazionali della modella più pagata del mondo. Con queste immagini non si fa altro, secondo loro, che enfatizzare il concetto che il corpo femminile è solamente un oggetto sensuale nelle mani del marito. Per questo è stata censurata.

    A dire il vero in televisione si vede anche di peggio di questo spot, che ci presenta prima una Gisele Bundchen vestita che confessa al marito di aver fatto un incidente con la sua macchina. Mossa sbagliata da fare, secondo il brand, che consiglia di dirlo al marito senza vestiti, solamente con la lingeria del marchio di moda: così da evitare che vada su tutte le furie.

    Gisele Bundchen, che possiede anche un suo brand di lingeria, non esita a promuovere i capi di abbigliamento intimo delle altre aziende. Mandando però su tutte le furie le femministe brasiliane che hanno chiesto al Consiglio Nazionale per l’Autoregolamentazione Pubblicitaria (Conar) di censurare lo spot: uno spot che secondo loro “promuove il rafforzamento dello steorotipo sbagliato della donna come oggetto sessuale del marito“. Un messaggio che tra l’altro infrange alcuni articoli della Costituzione brasiliana.

    Il marchio di lingeria, però, si difende dalle accuse, sottolineando che “tali tipi di situazioni possono verificarsi nella vita di qualsiasi uomo o donna“.

    E voi cosa ne pensate? Se guardiamo la tv italiana, si vedono spot decisamente più calienti…