Giorgio Armani, venderà tutto o sarà sostituito da una fondazione?

Giorgio Armani, venderà tutto o sarà sostituito da una fondazione?
da in Giorgio Armani, Stilisti
Ultimo aggiornamento:

    O


    Aggiornamento del 5 giugno 2012

    Giorgio Armani corregge il tiro, dopo le dichiarazioni della scorsa settimana che hanno un pò allarmato l’intero mondo della moda. Secca la sua affermazione “Finchè io sono qui, io sono il capo“. Parole decise, che suonano come una rassicurazione che in molti attendevamo. Tuttavia la probabilità che alla sua uscita di scena l’impero Armani possa passare in mano ad una fondazione creata ad hoc per gestirlo è sempre più forte, iniseme alla seconda possibilità, e cioè quella della vendita ad un conglomerato di case di moda, che però si dimostri all’altezza, sia economica che gestionale di questo compito.

    Chi sostituirà Giorgio Armani alla guida del suo gruppo di moda quando il famoso stilista italiano deciderà di andare in pensione? Tre anni fa, quando il fashion designer si ammalò gravemente, moltissime le voci che erano circolate in merito alla sua successione: chi avrebbe mai potuto sostituire un genio come lui alla guida di un colosso fashion e glamour apprezzato e indossato in tutto il mondo? A distanza di anni da quella brutta avventura, che per fortuna si è conclusa con la completa guarigione di Giorgio Armani dall’epatite che lo aveva colpito, il Re della moda italiana si racconta al Wall Street Journal, parlando di come cambierà il suo marchio di moda quando deciderà di ritirarsi. Noi speriamo che quel giorno non arrivi mai!

    Nel 2009 il mondo della moda fu molto in pensiero alla notizia di un ricovero di una decina di giorni di Giorgio Armani, colpito da un serio caso di epatite. Lo stilista italiano raccontò poi di essersi ammalato a causa di una serie di integratori per l’alimentazione che assumeva prima di fare i suoi esercizi quotidiani in palestra.

    Il mio dottore mi disse ‘Liberati di tutta quella schifezza che stai bevendo’“, ha raccontato lo stilista italiano al Wall Street Journal. Ma in occasione di questa intervista non ha parlato solamente della sua salute, che oggi non ci fa più temere. Al giornale parla anche di chi potrebbe prendere il suo posto in vista di un futuro ritiro.

    Molti i nomi che sono circolati negli ultimi tempi.

    Ma Giorgio Armani cosa ne pensa? Lui punta, ovviamente, a far rimanere in famiglia il marchio di moda da lui fondato: nel futuro, infatti, il nome di Re Giorgio potrebbe essere sostituito da quello dei nipoti Andrea Camerana e Silvana e Roberta Armani. In occasione dell’intervista, inoltre, ha rivelato di essere ossessionato da un pensiero: il suo gruppo di moda è uno dei pochi ancora indipendenti, ma non sa se questa scelta di non affiliarsi a colossi glamour come LVMH sia stata una decisione saggia. Lui non voleva perdere il controllo di quello che aveva creato, per questo spera che i nipoti siano in grado di continuare lungo la strada che lui ha tracciato.

    Sono 15 anni che porto con me questa questione della successione. La domanda è sempre la stessa e così la risposta: finché ci sono, il capo sono io” e noi non possiamo che esserne contenti.

    Anche la nipote, Silvana Armani, ha voluto commentare le continue voci su chi prenderà le redini del marchio dopo il ritiro dello zio: “Non ci sarà mai un nuovo, singolo, genio, o un nuovo Armani. Piuttosto immagino una serie di piccoli Armani. Non possiamo parlare della successione con lui, sarebbe come dire: “Tra un pò non ci sarai più”. È terribile. Parlarne sarebbe terribile“.

    Quindi, smettiamo di parlarne! :)

    641

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Giorgio ArmaniStilisti
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI