FlashMob: le fashioniste italiane protestano contro Anna Wintour

da , il

    flash mob

    In risposta ai diktat imposti alla moda milanese da Anna Wintour, dal 1988 direttore di Vogue America e penna più influente del mondo della moda, FashionCamp, in collaborazione con ContaminateMi, ha organizzato una manifestazione davvero singolare.

    La protesta, denominata FlashMob, si è svolta sabato davanti all’ingresso della tendostruttura dove dopo poco avrebbe sfilato la collezione di John Richmond.

    Un folto gruppo di ragazze si è presentato vestito di nero con caschetto biondo e maxi occhialoni in perfetto stile Wintour e indossando un’ironica t-shirt arrecante la scritta “I will only stay 3 days”, frase che ha dato vita alle ormai note polemiche sul calendario di Milano Moda donna.

    FashionCamp e ContaminateMi, attraverso questa singolare protesta, hanno voluto manifestare ironicamente tutto il loro dissenso verso, non solo la presa di posizione della Wintour, ma anche verso la reazione servile degli stilisti italiani che, al contrario dei cugini d’oltralpe, hanno assecondato i voleri della direttrice di Vogue senza batter ciglio.

    La protesta, durata qualche decina di minuti, si è svolta, come previsto, nel più totale silenzio, con quella sola unica frase tacitamente urlata dalle t-shirt indossate dalle manifestanti, a dimostrazione che a volte il silenzio può fare più rumore di tante parole.