Festival di Sanremo, look di ieri e di oggi: come sono cambiati i tempi e gli abiti

Festival di Sanremo, look di ieri e di oggi: come sono cambiati i tempi e gli abiti
da in Donna, Festival di Sanremo 2017, In Evidenza, Moda, Tv, Uomo, Vip Style
Ultimo aggiornamento:

    Il Festival di Sanremo non stabilisce solamente le canzoni più belle di ogni anno. E non è solo un palco dove si consumano polemiche che lasciano il tempo che trovano. Il palco dell’Ariston è diventato nel corso della sua storia lo specchio della società italiana che cambia. Nel bene o nel male. Anche per quello che riguarda il costume e la moda. Se nelle prime edizioni della kermesse tutti i look di donne e uomini erano assolutamente impeccabili, eleganti, privi di qualsiasi dettaglio che potesse provocare sconcerto, ecco che nel corso del tempo qualcosa è cambiato. Gli abiti si sono fatti più provocanti, quasi volessero rubare la scena alle canzoni in gara. E l’edizione 2012 del Festival di Sanremo sembra confermare questo trend!

    Il Festival della Canzone Italiana è approdato sul piccolo schermo nel 1955: ne sono passati di anni dalla prima volta che abbiamo potuto vedere i look dei partecipanti all’evento. Notando quelle foto in bianco e nero, ampiamente presenti nella nostra galleria di immagini, potete notare come il rigore regnava sovrano: cantanti uomini e donne, ma anche presentatori e vallette, non si sarebbero mai sognati di sfoggiare qualcosa che potesse turbare le coscienze dei presenti in sala e dei telespettatori. Del resto, era anche un’altra Italia, un altro modo di concepire lo stile e l’eleganza. E di sicuro il corpo femminile e maschile non era così sovraesposto come oggi. Era un’altra televisione, dove i contenuti venivano prima dell’apparenza.

    Se negli anni Cinquanta una valletta avesse osato presentarsi con l’abito sfoggiato da Belen Rodriguez nella seconda serata del Festival di Sanremo 2012, sarebbe stata non solo cacciata dal programma, ma dalla televisione in generale. Oggi, invece, attira solamente la curiosità dei maschietti e le ire delle donne, forse invidiose (ma anche sagge: non ci si può presentare su un palco del genere con un look simile!).




    Non che la provocazione sia una novità sul palco dell’Ariston. Se evitiamo di considerare gli anni Cinquanta, davvero molto perbenisti e, per certi versi, anche un po’ bigotti e puritani (ma era la televisione dell’epoca, non un fatto esclusivo della kermesse!), dai decenni successivi sono stati moltissimi gli artisti che hanno fatto scalpore per i loro abiti. Come cambiavano i guardaroba degli italiani, così cambiavano quelli degil artisti sul palco. Il giro di boa avviene nel 1960: gli artisti possono indossare quello che vogliono. E la fantasia si sbizzarrisce!

    Era il 1969 quando un giovane Lucio Battisti scandalizzava tutti perché aveva ‘osato’ indossare un foulard al posto della solita cravatta o del tradizionale papillon… Se pensate che quello all’epoca venne considerato uno scandalo, figuriamoci con uno spacco alla Rodriguez cosa sarebbe successo!

    lucio battisti sanremo 1969

    Chissà cosa avrebbe pensato il grande Lucio della sua parente lontana Leda Battisti, che al Festival di Sanremo 2007 si presentò praticamente in reggiseno… Come cambiano i tempi, eh?

    57ƒ Festival della canzone Italiana


    Tempi che vai scandali che trovi. Ma mano che ci avviciniamo ai giorni nostri, scopriamo che i look si fanno sempre più audaci, soprattutto per quel che riguarda il guardaroba femminile. Se gli outfit maschili, a parte qualche look particolare di cantanti eccentrici, che fanno di questi abiti il loro biglietto da visita, non c’è stato un grandissimo stravolgimento. Certo, oggi molti interpreti ‘osano’ presentarsi sul palco dell’Ariston con look casual (vedi Eros Ramazzotti al Festival di Sanremo 1986 o Vasco Rossi che si è presentato con il chiodo!) o con abiti non scuri, ma senza creare troppo scompiglio.

    Cosa che fanno, inevitabilmente, gli abiti delle donne che si presentano a Sanremo.

    Se Nilla Pizzi o Milva non avrebbero mai osato mostrare più pelle del dovuto, ecco che con il passare degli anni le cose sono cambiate notevolmente. Non solo per le cantanti in gara, ma anche per le presentatrici. Tutte pronte a provocare. Nel 1986 è Loredana Berté a presentarsi sul palco con un look diventato famosissimo, con tanto di finto pancione.

    loredana berte festival sanremo 1986

    Celebre l’edizione del Festival del 1991 quando una bellissima Edwige Fenech ci mostrava abiti che non lasciavano molto spazzio all’immaginazione:

    Edwige Fenech


    Nel 1997 Valeria Marini, accanto a Mike Bongiorno, sale sul palco praticamente in lingerie, con look forse un po’ troppo sexy, in linea con il personaggio ma non con il programma televisivo. Nel 1999 è Anna Oxa a scandalizzare, con tanga e ombelico in vista. Nel 2010, invece, è stata Lorella Cuccarini a dare scandalo, completamente nuda e coperta solamente da una chitarra gigante, mentre la presentatrice Antonella Clerici si presentava con abiti vaporosissimi decisamente in controtendenza rispetto alla sua collega… Ma l’elenco potrebbe continuare all’infinito viste le tante edizioni di Sanremo!

    Loredana Bertè ha osato portare le minigonne e il suo look stravagante a Sanremo (sinceramente lo preferivo a quello sfoggiato accanto a Gigi D’Alessio nella kermesse di quest’anno!) ed è stato subito scandalo!

    E man mano che si spogliava il palco dell’Ariston, lo stesso faceva la televisione italiana: quasi non si faceva più caso agli abiti da sera lunghi che si erano trasformati in look decisamente più corti, tanto da arrivare al mini dress che Elisabetta Canalis ha indossato nella seconda serata della 62esima edizione di Sanremo. Un’eleganza più moderna o una caduta di stile? Nessuno si è lamentato, anche perché c’era chi metteva in mostra qualcosa ci più delle gambe! Quest’anno, infatti, abbiamo infranto l’ultimo tabù, con lo spacco inguinale di Belen Rodriguez: il prossimo passo quale sarà? Saliranno tutte sul palco in bikini? O magari assisteremo ad una tendenza inversa e il corpo femminile tornerà ad essere bello anche se non sovraesposto in quella maniera?



    Non so dare una risposta a queste domande. So solo che sempre di più Sanremo diventa una passerella, una sfilata per chi partecipa, dove i look sono più importanti e fanno più notizia delle canzoni. Tutti conoscono il tatuaggio a farfalla di Belen, mentre chi potrebbe canticchiare uno dei brani in gara? Va bene non esagerare con la morigeratezza, ma nemmeno cedere all’estremo opposto: una via di mezzo non sarebbe fattibile?

    Speriamo che ora, infranta anche l’ultima barriera del buon gusto, ci si fermi un attimo a riflettere. Ivana Mrazova era bellissima, sensuale nei suoi look Salvatore Ferragamo, mostrando anche le gambe e il decollete (e che fisico!), senza essere troppo esagerata… La speranza che si possa tornare ad un po’ di sana eleganza e femminilità c’è… Fare un passo indietro, a volte, può solo far bene!!!

    1302

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DonnaFestival di Sanremo 2017In EvidenzaModaTvUomoVip Style
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI