Eram: campagna pubblicitaria provocatoria del marchio di scarpe

da , il

    eram

    Eram, Il famoso marchio di scarpe parigino fa parlare di nuovo di sé. È da pochissimo terminata la fashion week parigina e già si è imposto a gran voce, sui manifesti che possiamo ammirare in giro per la città di Parigi o sugli infiniti autobus che l’attraversano. Marchio interessante, se non altro per quanto riguarda la sua pubblicità piena di provocazioni. Due i manifesti a mio avviso molto d’impatto sia dal punto di vista pubblicitario che da quello dei prezzi.

    Il primo manifesto ritrae una modella quasi completamente oscurata da una scritta su cui c’è leggiamo: “Il fotografo ha chiesto una fortuna, la modella è sotto ansiolitici e infine lo stilista sembrerebbe essere gay. Tutto questo per delle scarpe a soli cinquanta euro”. Insomma ancora una volta la provocazione prevale e ha la meglio su tutto, fotografo, modella, e stilista compreso.

    Ecco che la provocazione da sola la fa da padrone. Il secondo manifesto invece ritrae uno struzzo che indossa un paio di stivaletti di vernice color nero. Stavolta la scritta dice: “nessun corpo di donna è stato utilizzato in questa pubblicità”. Non è la prima volta che Eram, il brand di moda parigino fa parlare di sé.

    Già in passato e precisamente nel 2003,infatti, il famoso marchio ha messo in scena uomini nudi, animali e molto molto altro. Personalmente credo che il brand Eram, famoso per essere un marchio low-cost sia riuscito nel suo intento di pubblicizzare il suo prodotto e a colpire ancora una volta l’attenzione dei mass media.