Speciale Natale

Don’t miss it: la borsa da portare a mano [FOTO]

Don’t miss it: la borsa da portare a mano [FOTO]
da in Accessori Moda, Giuseppe Di Rosalia Fashion Blogger, Moda
Ultimo aggiornamento:

    La mia rubrica Don’t miss it di questa settimana è dedicata alle borse da portare a mano, quelle da Signora perbene che ho visto su quasi tutte le passerelle degli stilisti per la prossima primavera/estate 2013, e che vi consiglio di tenere sott’occhio o da inserire nella vostra wishlist.
    La borsa: vissuta, traboccante, curata, logora, vezzeggiata come un bambino, diventa estensione del vostro corpo quasi fosse un secondo sesso. La borsa, ne sono convinto, è forse la parte più segreta di una donna. Eppure non la pensava come me Diana Vreeland , una delle giornaliste di moda più importanti del mondo, che inveì contro l’oggetto del desiderio di tutte le donne del pianeta, incitando le stesse a liberarsene e a cucire su pantaloni e cappotti gigantesche tasche.

    Al contrario della Vreeland, alcune tra le donne più potenti del XX secolo si sono aperte un varco nel mondo dominato dagli uomini con il più femminile degli oggetti. Margaret Thatcher, unica donna nella storia del Regno Unito ad aver ricoperto la carica di Primo Ministro, non muoveva un passo senza la sua robusta borsa a mano, che amorosamente chiamava “fedele compagna”. Ma più che semplice potere politico, una grande borsa (portata da una grande donna) ha classe: Grace Kelly è il più famoso e ancora oggi il più elegante esempio di questo concetto. Dopo essere apparsa nel 1956 sulla copertina di Life con una borsa di Hermès (da questo episodio la maison francese decise di chiamare la borsa con il nome di Kelly) che sembrava proteggere il suo pancione dai fotografi, nacque una fantasia collettiva, ovvero che una borsa a mano potesse fare di una donna una diplomatica, una diva, una sopravvissuta. Che una borsa potesse trasformarvi da comuni mortali in principesse. Una bella borsa promette questo ed altro.

    Scopriamo insieme allora quali sono le borse da portare a mano più belle, quelle che non possono proprio mancare nel vostro armadio. La Bogonghi di Roberta di Camerino è forse, cronologicamente parlando, la borsa italiana più bella di tutti i tempi: ne è una prova la mostra organizzata a Venezia in onore di questo accessorio. Madonna ne possiede tantissime, e la si può adattare a tutte le mises possibili ed immaginabili.
    La borsa di Prada è invece il nuovo oggetto del desiderio di tutte le fashioniste, un pò per fiore bianco applicato o forse perché la si porta a mano. Fatto è che nessuno può non amarla. Marc Jacobs per Louis Vuitton, stagione dopo stagione, crea vere e proprie opere d’arte come ad esempio la nuova handbag in damier bicolor.

    Fendi nel 1997 creò la Baguette, oggi la ripropone in mille colori diversi, cosi come la sempre verde Birkin di Hermès, il nuovissimo bauletto color magenta di Burberry Prorsum o l’elegantissima borsa in rettile firmata da Re Giorgio. Ma non si potrebbe avere una sola borsa per tutte le occasioni e per tutte le “necessità”? La risposta è NO! La borsa ideale, cosi come un bel paio di scarpe, non ha mai avuto niente a che fare con la necessità: è qualcosa che riguarda i sogni, il desiderio e la fuga dalla banalità. E’ come un bacio dall’uomo più bello, una borsa da diva tempestata di strass o una bustina di vernice di Parigi.
    Oggetto di moda portatile insensibile ai cambiamenti del corpo o alle ingurie del tempo, la borsa è infinitamente ottimista: voi la portate e lei vi trasporta nelle vite che vorreste vivere.

    605

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Accessori ModaGiuseppe Di Rosalia Fashion BloggerModa

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI