Domotica all’italiana

da , il

    Nella lunga storia dell’abitare sono state moltissime le innovazioni tecnologiche che hanno permesso di avere confort sempre maggiori in casa: c’è stata l’era dell’elettricità, quella delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione con la telefonia, la televisione, le reti digitali terrestri e il satellite. Oggi è il momento della domotica. La rivoluzione è iniziata negli Stati Uniti, ma comincia a fare sentire importanti effetti sulla qualità dell’abitare anche in Europa.

    Per svelarne segreti e comodità Egodom, l’azienda italiana leader nella domotica a basso costo – propone sistemi a partire da 2.000 euro – e ha deciso di mettere on line un sito che ne illustri ogni aspetto: www.d-home.it.

    Ma quali sono i vantaggi di una casa super tecnologica? Si parte dalla sicurezza con: sistemi antifurto e antirapina personalizzabili, prevenzione e gestione di potenziali pericoli che possono manifestarsi nell’ambiente domestico, come, per esempio, fughe di gas, principi di allagamento, mancanza di elettricità generale o di parte dell’impianto, segnalazione del pericolo direttamente nell’edificio mediante messaggi vocali immediatamente comprensibile a tutti, comando immediato di azioni atte a minimizzare l’eventuale danno, segnalazione tempestiva tramite chiamata telefonica di allarme se non è presente nessuno in casa.

    La d-home guarda anche alla salute con un sistema di chiamata telefonica di aiuto o soccorso medico, messaggio vocale in tutto l’edificio che indica il tipo di richiesta e da quale locale è partita. Questa casa super tecnologica è dotata anche di sistemi raffinati e intelligenti che, grazie a sensori distribuiti, percepiscono le richieste dell’utente migliorandone le condizioni di benessere psicofisico, per esempio abbassano le luci se si accende la tv, per permetterne una migliore visione.

    Il sistema energy saving serve, invece, serve ad ottimizzare al meglio i consumi, utilizzando fonti di energia alternative, in un’ottica di risparmio e nel rispetto dell’ambiente, ma anche entertainment: integrazione e fruizione interattiva di contenuti audio, video e multimediali in tutti gli ambienti.