Diario di una ninfomane: mutandine di pizzo a Milano e Roma

Diario di una ninfomane: mutandine di pizzo a Milano e Roma
da in Cinema, Cultura, Lingerie, Pubblicità
Ultimo aggiornamento:

    Valérie, diario di una ninfomane” è un film che ha fatto molto discutere quando è uscito in Spagna, soprattutto per il suo cartellone pubblicitario che ha dato scandalo. La pellicola è uscita nelle sale cinematografiche italiane e ha fatto molto discutere.

    Tutta colpa della locandina, che mostrava una bella ragazza in lingerie, con la mano che piano piano entra nei suoi slip. Locandina vietata perchè troppo esplicita. D’altra parte il film parla chiaro sin dal suo titolo: Valerie è una ragazza con una passione sfrenata per il sesso, che diventa quasi una malattia. E si racconta in un vero e proprio diario.

    Il film è tratto dal romanzo della scrittrice francese Valérie Tasso che porta lo stesso titolo.

    Già il libro destò molto scalpore, figuriamoci cosa può fare la trasposizione cinematografica di questo romanzo.

    Visto che le locandine non potevano essere affisse, ecco che l’agenzia pubblicitaria italiana del film, la Blackmilk Adv, ha pensato ad un’azione di guerrilla marketin mirata. A Milano e a Roma, in aree di passaggio e in zone molto frequentate, soprattutto dai giovani, sono state consegnate delle mutandine nere di pizzo, realizzate su supporto cartaceo.

    Un’azione di guerrilla marketing molto in sintonia con il film presentato.

    Foto: Blackmilk Adv.

    271

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CinemaCulturaLingeriePubblicità
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI