Milano Moda Donna

Come truccarsi a 40 anni: 7 mosse per farlo al meglio

Come truccarsi a 40 anni: 7 mosse per farlo al meglio
da in Bellezza, Consigli Utili Beauty, Make Up, Tendenze Make Up
Ultimo aggiornamento: Venerdì 12/08/2016 07:47

    Un make up perfetto a 40 anniUn problema che affligge tante donne dopo aver passato la soglia degli -enta è: come truccarsi a 40 anni? Abbiamo pensato per voi alle 7 mosse per farlo al meglio, valorizzando un viso che di sicuro ha ancora moltissimo da esprimere, basta imparare a farlo nel modo giusto, rinunciando a qualche eccesso e sperimentazione ma di sicuro puntando su una maggiore consapevolezza di sé stesse e dei propri pregi o difetti!

    Idratare bene la pelle dopo i 40 anniIl mantra che bisogna ripetersi raggiunti i 40 (ma in teoria anche prima) è che un’ottima idratazione della pelle del viso è alla base del suo apparire sano, luminoso e omogeneo. Ecco perché, prima di qualsiasi make up, una crema nutriente, idratante e con potere anti-age è assolutamente obbligatoria. Di giorno, di sera, e senza mai dimenticare il collo, che si tende a trascurare, ma fa parte del viso e può diventare una zona piena di rughe e difficilmente recuperabile.

    Base trucco dopo i 40 anni come Cameron DiazSpesso invecchiando si fa l’errore di pensare di doversi coprire sempre di più, viso compreso. In realtà nulla è più sbagliato: lo scopo della base make up dovrebbe essere quella di levigare e illuminare un volto già precedentemente idratato e curato, dunque via libera a fondi liquidi leggeri, oppure a BB cream o CC cream, che donano uniformità senza assolutamente appesantire la pelle. Eccezioni ammesse solo in caso di pelli particolarmente grasse o acne tardiva, in questi casi meglio preferire un fondo in polvere minerale.

    Trucco occhi dopo i 40 come Sarah Jessica ParkerAvere 40 anni (o più) non significa dover rinunciare al trucco occhi o usare solo ombretti neutri, il colore è ancora concesso, solo con qualche accortezza in più sui mix non eccessivi e soprattutto sul finish degli ombretti. Dire addio a colori shimmer è il primo step, dunque ok al colore ma con finish opaco o al limite satinato, le tonalità calde del marrone, beige e rame sono quelle a cui affidarsi per un bel trucco da giorno, mentre i blu, i neri, grigi e i verde scuri sono ottimi per la sera. Evitare prodotti cremosi che potrebbero “infilarsi” nelle piccole rughette di una palpebra leggermente più rilassata andando a creare un effetto spiacevole!

    Illuminare il viso dopo i 40 anniAbbiamo già detto che dopo una certa età illuminare il volto è il segreto del farlo apparire più bello: dunque, al posto di pesanti correttori in crema, potreste imparare ad utilizzarne di più leggeri e con effetto illuminante. Il Touche Eclat di Yves Saint Laurent è l’iconico in tal senso, ed è perfetto sia per nascondere piccoli diffetti, sia per mascherare borse o occhiaie. Dopo gli -enta dovreste proprio imparare a prendere confidenza con lo strobing, il cugino del contouring che punta tutto sull’illuminare i punti strategici del viso!

    Disegnare sopracciglia con matitaNon è un segreto che invecchiando le sopracciglia vadano pian piano diradandosi e sia sempre più comune il problema di riuscire a dare una forma perfetta. Ricordiamoci però che le sopracciglia sono importantissime per il viso, cambiano espressione e definiscono i lineamenti, dunque, se diradate, bisognerà imparare a fare un ottimo uso di una apposita matita per andare a ridisegnare e riempire le zone mancanti, per poi fissare il tutto con appositi gel che vengono venduti in profumeria con un comodo formato pennello: rimarranno ferme e perfette per tutto il giorno e aiuteranno a definire anche uno sguardo più stanco del solito!

    Rossetto rosso cremosoAnche le labbra risentono del passare degli anni e tendono ad essere più secche e a screpolarsi più facilmente: ovviamente quello di tenerle idratate anche di notte con un buon burrocacao è il consiglio primario, oltre a quello di fare un leggero scrub su di esse almeno una volta a settimana per togliere le cellule morte. Per quanto riguarda il rossetto, a cui ovviamente non si rinuncia, l’accortezza è quella di utilizzare sempre prima una matita labbra, anche neutra, per definirne bene i contorni, e poi di scegliere il colore preferito ma sempre in una textura cremosa e idratante. No ai rossetti dal finish matte che tendono a seccare la pelle!

    Blush dai colori chiari dopo i 40 anniInfine, per completare il make up e dare un po’ di colore al volto è la volta del blush o del fard. Anche in questo caso è preferibile abituarsi a prodotti dalla consistenza liquida o cremosa, che sono più facilmente sfumabili e modulabili, evitando così di creare un eccessivo contrasto con il resto del volto. Sì, specialmente a colori soft come un corallo chiaro o un rosa pesca, per poi passare ad un ambrato quando si ha la pelle abbronzata. Lo si può stendere delicatamente con le mani, oppure con un apposito pennello morbido e largo!

    1126

    Milano Moda Donna