Collezione Givenchy Autunno-Inverno 2012/2013

da , il

    Givenchy, una delle maison simbolo della grande moda francese, ha appena presentato la sua nuova collezione di moda femminile al Paris Fashion Week, la kermesse parigina in cui le griffe francesi più celebri, e non solo, ci stanno presentando le loro collezioni per l’autunno inverno 2012 2013. Il fashion designer Riccardo Tisci, uno degli stilisti più contesi dalle griffe, rimane saldamente al vertice della maison e grazie a questa collezione, che punta su una donna grintosa ma femminile, sono certa che Givenchy continuerà a tenerselo stretto per molto tempo. La caratteristica principale di questa collezione? Sicuramente la pelle, uno dei tessuti di maggior tendenza nella prossima stagione fredda, che Tisci ci propone su tutti i capi d’abbigliamento e gli accessori.

    Questa domenica è stata davvero ricca di sfilate molto interessanti e sono davvero tanti i grandi nomi della moda che sono scesi in passerella per proporci le loro collezioni femminili per l’autunno che verrà. Se oggi pomeriggio abbiamo ammirato la donna rock di John Galliano, proprio poco fa abbiamo assistito alla presentazione della collezione di Kenzo, all’insegna delle stampe e di uno stile pop e frizzante. Ma ora ecco l’attesissima proposta di Givenchy.

    La collezione autunno inverno 2012 2013 ci propone una donna che esprime tutta la sua forte personalità con look estremamente grintosi in cui il tessuto predominante è la pelle, soprattutto nel classico nero, nel rosso e nel marrone. Non sono solo le giacche e i pantaloni ad essere realizzati in pelle lucida ma anche gli abiti, le gonne e le mantelle che rendono la donna di Givenchy forte e affascinante. Inutile sottolineare la presenza diffusa di stivali alti al ginocchio, realizzati in pelle, perfettamente coordinati al resto del look.

    Il look più strano della passerella? Il completo in total red in cui la modella sfoggia un fiocco di raso al collo e un soprabito trasparente, coordinato con immancabili stivali neri. Non vi sembra una versione moderna di Cappuccetto Rosso? A voi la parola!