NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Amanda Hendrick, la modella troppo magra, “censurata” per sospetta anoressia

Amanda Hendrick, la modella troppo magra, “censurata” per sospetta anoressia
da in Lifestyle, Moda, Modelle, Anoressia
Ultimo aggiornamento:

    Amanda Hendrick, la modella troppo magra è stata censurata

    Si sa, al di là della retorica e dei buoni propositi, la maggior parte delle modelle sono davvero troppo magre e quando ci si trova davanti ad un corpo pelle e ossa come quello di Amanda Hendrick è impossibile non farsi venire il sospetto che la modella possa soffrire di anoressia. Lo stesso ragionamento è stato fatto dall’Asa, l’Advertising Standards Agency, che ha prontamente fatto ritirare dalla Gran Bretagna gli scatti realizzati da una magrissima Amanda per il brand inglese Dead Drop Clothing. Oltretutto, dal momento che la ventunenne scozzese ha posato in costume da bagno, la sua evidente magrezza è stata totalmente messa alla luce suscitando un vespaio di polemiche.

    Amanda Hendrick, a soli ventun’anni, è già molto nota nel Regno Unito e vanta il titolo di donna più elegante della Scozia ma in questi scatti fa davvero impressione, emaciata e smagrita. Il servizio fotografico incriminato che l’Asa ha provveduto a censurare, in seguito alle proteste di numerosi cittadini anglosassoni, era stato realizzato per la campagna pubblicitaria del brand Dead Drop Clothing di proprietà del musicista Oli Sykes, ex boyfriend di Amanda.

    Abbiamo anche notato che negli scatti in cui porta i bikini e gli shorts sono evidenti cavità nelle cosce e che le stesse ossa sono sporgenti.

    Riteniamo che la modella appaia sottopeso nelle immagini e sebbene crediamo che le foto in bikini e in shorts potrebbero non danneggiare nessuno, concludiamo che esse sono socialmente irresponsabili” queste le parole con cui l’Asa ha motivato la decisione nel comunicato ufficiale.

    L’ex fidanzato della modella ha prontamente difeso la sua ex ragazza affermando che Amanda non soffre di disturbi alimentari e che porta la 40. Personalmente ritengo che l’Asa abbia preso la decisione giusta. Mostrare sulle riviste di moda e nelle campagne pubblicitarie delle donne non scheletriche non potrà certo risolvere il problema dell’anoressia, una patologia che come l’obesità ha cause molto profonde e complesse, ma almeno le ragazze più sensibili non crederanno che per essere “belle” bisogna diventare pelle ed ossa.

    Oltretutto Amanda Hendrick non mi sembra affatto una 40. E voi cosa ne pensate?

    412

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN LifestyleModaModelleAnoressia
    PIÙ POPOLARI