Abercrombie & Fitch: a Londra va in scena la protesta degli amanti del tweed [FOTO]

da , il

    Lotta dura al marchio di moda Abercrombie&Fitch: un nutrito gruppetto di nostalgici dei tempi che furono, infatti, hanno inscenato una particolare protesta, per dire di no all’apertura del nuovo punto vendita del fashion brand americano a Londra, a Savile Row, una delle vie storiche della capitale britannica. I puristi del tweed, infatti, non sono d’accordo con l’arrivo di questo marchio così commerciale, che propone capi dozzinali, a detta dei manifestanti, organizzati dalla rivista The Chap. Una protesta davvero singolare, complimenti!

    Il fashion brand Abercrombie&Fitch ha una bella gatta da pelare. Gli inglesi si sa, sono molto tradizionalisti: non a caso, nonostante le lamentele e i problemi, guai a chi tocca loro la regina. Anche dal punto di vista del guardaroba, a quanto pare, visto che un gruppetto di persone, vestite con un classico tweed, il completo a tre pezzi, hanno deciso di scendere in piazza per tentare di dare una nuova vita a questo tradizionale capo di abbigliamento.

    Armati solamente dei loro tweed e di slogan come “Give three piece a chance“, parafrasando una celebre canzone di John Lennon, si sono radunati per un sit in decisamente vintage, proprio nel luogo dove a breve potrebbe sorgere il nuovo punto vendita di Abercrombie&Fitch, fashion brand di abbigliamento casual di New York, amato e indossato in tutto il mondo. Anche in Italia, per l’apertura dello store milanese, l’entusiasmo era alle stelle. Non lo stesso si può dire dei londinesi, che non gradiscono un negozio del genere a Savile Row, quartiere di Londra dove sorgono le sartorie più antiche e tradizionali della capitale inglese.

    Per questo la rivista per gentlemen e amanti del tessuto inglese più famoso del mondo The Chap ha organizzato questo raduno davvero singolare, curioso e pittoresco, le cui immagini stanno facendo in queste ore il giro del mondo.

    Non vogliamo tornare indietro nel tempo ma questa è l’ultima via di Londra rimasta intatta e con un solo genere d’ negozi, Abercrombie la trasformerebbe inevitabilmente in qualcosa di diverso e più dozzinale“, queste le parole dei manifestanti che da tempo, ormai, protestano contro l’apertura del nuovo punto vendita di Abercrombie&Fitch.

    Hanno ragione i manifestanti, capitanati dalla rivista The Chap, che vogliono preservare una delle vie storiche della capitale inglese oppure fa bene il fashion brand Abercrombie&Fitch a svecchiare con i suoi modelli e le sue collezioni questa zona di Londra?