Milano Moda Donna

5 orrori di bellezza degli anni ’90

5 orrori di bellezza degli anni ’90
da in Acconciature, Bellezza, Consigli Utili Beauty, Make Up
Ultimo aggiornamento: Venerdì 12/08/2016 07:47

    Look anni 90 da evitarePer evitare di cadere in sbagliate tentazioni ripercorriamo oggi i 5 orrori di bellezza degli anni ’90 che hanno segnato, in senso negativo, un’epoca. Ciò che in quei tempi sembrava super cool oggi appare così demodè da non voler essere nemmeno vagamente preso in considerazione per un ritorno alla ribalta, cosa che invece, di solito, capita ciclicamente sia nella moda che nel beauty. Scopriamo insieme “i mostri” da evitare assolutamente!

    Sopracciglia nere e capelli biondiNegli anni ’90 andavano di moda i capelli biondi, in ogni tonalità ma con una predilezione per il platino (ricordate Pamela Anderson in Baywatch ad esempio?), il problema è che alla tinta bionda spesso si univa un vero e proprio orrore a contrasto: le sopracciglia scure, castane o nere addirittura, sintomo evidente non solo di avere una tinta sulla testa, ma di averla anche fatta male, con nonchalance. Ai giorni nostri, mentre il biondo platino è tornato di moda tra i colori capelli, le sopracciglia scure a contrasto meglio lasciarle nell’oblio!

    Matita labbra accentuataAbbiamo più volte parlato dell’importanza della matita labbra, specialmente quando si tratta di andare ad applicare un rossetto scuro e dunque bisogna per forza dare dei contorni da rispettare. Questo è un dato di fatto imprescindibile nel mondo del make up, magari senza esagerare come negli anni ’90, quando non era raro vedere donne uscire di casa solo con il contorno labbra segnato da una matita ben più scura della tonalità naturale delle labbra stesse, con un risultato che, ad oggi, vediamo simile al trucco da pagliaccio per carnevale.

    Coda alta con maxi elasticoChe la ponytail fosse una delle acconciature più in voga negli anni ’90 è un dato di fatto, anche una superstar come Madonna la esibiva spesso durante i concerti o le uscite speciali. Ciò che la rende horror è il fatto che fosse generalmente molto alta e fermata da improbabili ed enormi elastici, destinati a creare uno strano effetto sulla nuca, come quello che si otteneva da bambine provando a fare un’acconciatura alla propria Barbie. Ecco dunque che, anche se la coda o ponytail che dir si voglia, è una delle poche acconciature che mai passeranno di moda, sarà bene evitare di fermarla con elastici giganti e vistosi, per sempre.

    Acconciature baby hairFiocchi, codini, chignon alti e bassi a più di uno alla volta sul capo, tutto quello, insomma, che di solito ci si diverte a fare sulle teste delle bambine, figlie, sorelline o cuginette che siano, andava di moda anche negli anni ’90. Sulle adulte. Ad ogni diciamo orgogliosamente: per carità! Ad ogni età le acconciature giuste e per i fiocchetti e le esagerazioni un’adulta ha decisamente passato i massimi consentiti. Jennifer Lopez sfoggiava spesso acconciature di questo tipo alla fine degli anni ’90, poi, anche un’icona come lei, ha smesso!

    Tagli scalati nettiSe negli anni ’90 uno dei giochi di tutte era identificarsi con un personaggio di Beverly Hills, lottando per chi assomigliava di più o meno a Brenda o Kelly, con la consapevolezza di oggi possiamo dire che i capelli di Brenda in particolare erano davvero orribili! Un taglio scalato così netto da perdere personalità con un frangione apparentemente lasciato al caso e i volumi che cambiavano da un lato all’altro del capo. La scalatura non è mai passata di moda, è vero, ma per carità, almeno che sia fatta con un criterio!

    808

    Milano Moda Donna