10 trucchi per applicare il correttore in modo perfetto

10 trucchi per applicare il correttore in modo perfetto
da in Bellezza, Consigli Utili Beauty, Make Up
Ultimo aggiornamento: Venerdì 12/08/2016 07:47

    Applicazione del correttore per occhiaia Chi non vorrebbe scoprire quali sono i 10 trucchi per applicare il correttore in un modo perfetto che garantisca i risultati di coprenza che speriamo? Abbiamo pensato di raccoglierli per voi, come una piccola guida, in modo che possiate consultarla anche tutti i giorni prima di combattere la battaglia contro occhiaie, brufolini, piccole macchie e inestetismi in generale.

    Correttore nei punti giustiSe dovete coprire difetti evidenti come le occhiaia o delle discromie è meglio applicarlo prima di modo che il fondotinta serva da ulteriore strato di copertura e protettivo. Non è escluso, comunque, che dopo l’applicazione anche della cipria e del fard dobbiate dare qualche leggero ritocco aiutandovi con una piccola spugnetta da make up! Se invece i difetti da coprire sono lievi potete concedervi l’applicazione del correttore come ultimo gesto, andando a correggere con una dose minima di prodotto, meglio se in stick più facile da applicare sopra il trucco e comodo anche da tenere in borsa per dei ritocchi.

    Correttore per occhiaia La funzione più utilizzata per i correttori è quella di coprire le tante odiate occhiaie, quando trattate il contorno occhi con questo prodotto è dunque buona norma utilizzare come base una crema specifica che possa fornire la giusta idratazione e aiutare dunque, sia la pentrazione del correttore nella pelle, sia aumentarne l’effetto e la durata con il trucco completato. Inoltre non sono da sottovalutare prodotti contorno occhi che abbiano già all’interno proprietà illuminanti o leviganti, in questo modo si massimizzerà l’effetto del correttore donando allo sguardo un aspetto più riposato.

    Scegliere il colore giusto di correttore Per scegliere la tonalità perfetta di correttore si devono per forza fare delle prove quando si acquista il prodotto, a livello generale possiamo dirvi che il verde serve per coprire rossori o couperose, il beige per le imperfezioni più diffuse (i brufoli ad esempio), un aranciato è perfetto per coprire le occhiaie in quanto colore a contrasto del viola da cui sono caratterizzate queste ultime. In generale la cosa più comoda sarebbe acquistare una piccola palette di correttori in modo da poter utilizzare di volta in volta quello di cui abbiamo più bisogno, oppure ancora, miscelando i vari colori con l’aiuto di un pennello da trucco, riuscire a trovare la tonalità perfetta per coprire il difetto del viso che proprio non ci piace!

    Tonalità di correttore sbagliata Spinte dal desiderio di illuminare e ridurre l’effetto grigio/nero delle occhiaia spesso siamo tentate dall’acquisto di un correttore molto chiaro. Sbagliato! Il correttore troppo chiaro rispetto alla nostra carnagione brillerà sì, ma accentuando tutti i nostri difetti. Per capire se la tonalità che usiamo è giusta dobbiamo applicare gli stessi criteri che usiamo nella scelta del fondotinta perfetto: se si omogeneizza con l’incarnato è quello giusto! Un colore troppo chiaro rischierebbe di far sembrare i punti corretti grigi e dunque di accentuare ancora di più i difetti. É capitato anche a celebrity del calibro di Eva Longoria e Nicole Kidman di fare uscite pubbliche con correttori completamente sbagliati, a loro è andata peggio perché sono state bersagliate dai flash dei paparazzi, noi tutte abbiamo il tempo di rimediare a casa!

    Cipria per fissare correttore Se volete garantirvi una lunga durata del correttore perfetto per voi che avete trovato con tanta fatica il segreto è quello di applicare con un pennello da trucco di quelli morbidi a punta piccola (generalmente destinati agli ombretti) un sottile strato di cipria in polvere libera, meglio ancora se minerale e trasparente.

    I pigmenti della cipria andranno a legarsi a quelli del correttore e, da un lato lo aiuteranno ad asciugarsi, dall’altro faranno in modo che rimanga immobile al suo posto per tutte le ore in cui ne avete bisogno.

    Erase Paste BenefitSe avete la pelle da mediamente a molto secca, oppure se avete passato gli “anta” e iniziate a scontrarvi con i primi problemi dovuti a rughette e pelli mature, la soluzione giusta per voi è quella di utilizzare un correttore con consistenza cremosa. Si stende facilmente ed è molto più idratante di un fluido, per non parlare di un minerale, l’importante è ricordare di stenderlo con il polpastrello facendo sempre lo stesso movimento dall’interno verso l’esterno, invertendo il gesto, infatti, al posto di coprire portereste via il prodotto, andando a perdere tutti i benefici.

    Correttore in stickIl correttore in stick è adatto alle pelli più giovani che non necessitino di particolari interventi idratanti o opacizzanti, diciamo che è un prodotto adatto alle pelli normali che ha il grosso vantaggio di risultare facilissimo da usare in quanto lo si applica come un rossetto e lo si stende poi con l’aiuto di una spugnetta da trucco, di un pennello per sfumature, o anche, semplicemente, del polpastrello della dita. La maggior parte del brand producono correttori di tutte le consistenza, proprio per dare la possibilità di sceglierlo in base alla tipologia di pelle, quelli in stick, forse, sono quelli che hanno meno tonalità disponibili, ma è anche vero che le pelli giovani sono le più facili ad adattarsi

    Correttore minerale Neve cosmeticsPer chi ha la pelle grassa o mista l’ideale è iniziare a sperimentare l’uso dei correttori minerali. Hanno una consistenza molto simile a quella della cipria in polvere libera, volendo potete anche mischiarne una piccola dose con il vostro primer opacizzante, il vantaggio, in ogni caso, è che si tratta di un prodotto che tende ad “asciugare” la pelle, e dunque, su un viso che tende a lucidarsi nel corso della giornata, garantisce una maggiore durata e soprattutto un effetto più naturale rispetto ad un prodotto fluido che rischierebbe di non venire assorbito bene dalla pelle

    Quantità giusta di correttoreDa eliminare la convinzione che più prodotto significhi una maggiore coprenza e riduzione del difetto che vogliamo far scomparire dal nostro viso! Una quantità eccessiva di correttore produrrebbe l’effetto contrario perché, non ben assorbita dalla pelle, rimarrebbe all’esterno della pelle, oppure si andrebbe a depositare all’interno di quelle piccole rughe di espressione che ognuna di noi ha specialmente nella zona del contorno occhi. Dunque, meglio iniziare con pochissimo prodotto aggiungendo, eventualmente, a poco a poco, delle piccole dosi. Oltrettutto, se riuscite ad essere parche con la prima passata, vi lasciate la possibilità di fare piccoli ritocchi durante la giornata qualora il prodotto sbiadisse, il tutto senza tornare a casa con un effetto maschera di carnevale!

    Correttore su pelle scuraSe avete una carnagione scura, mulatta o ambrata, oppure se siete abbronzate, dovete utilizzare qualche accortezza in più nell’uso del correttore. Se proprio non potete fare a meno di utilizzarlo dovrete stare ancora più attente nella scelta della tonalità: sarà probabilmente necessario miscelare più colori prima di trovare quello perfetto.

    Se invece dovete solo mascherare un po’ le occhiaia, che comunque con la pelle scura si notano di meno, puntate su un trucco occhi molto intenso: non risolve il problema ma distoglie completamente l’attenzione dal contorno occhi puntandola, appunto, sul make up.

    1592